Ultime notizie

Donare, un atto d’amore

Un successo la prima giornata di sensibilizzazione sulla donazione del midollo osseo. Monsignor Valentinetti: “Anch’io sono stato un donatore”

Si è svolta con successo, ieri mattina, la prima edizione della “Giornata di sensibilizzazione per la donazione del

Il comandante Pietro Verna con l'avvocato Paola De Angelis

midollo osseo” intitolata “Sull’onda della solidarietà”, ospitata presso la sede del terzo Nucleo Aereo della Guardia Costiera che, per l’occasione, ha siglato un’originale partnership con l’”Admo”, l’Associazione donatori di midollo osseo, da cui è nato l’odierno evento di promozione della cultura della donazione in Italia, a conclusione di una campagna informativa che, a Febbraio e Marzo, è stata rivolta a tutti i militari in servizio nella Capitaneria di Porto: «Ospitiamo questa manifestazione – ha esordito Pietro Verna, comandante della Direzione Marittima Abruzzo-Molise – perchè condividiamo con l’Admo quello spirito che ci porta ad intervenire immediatamente quando vediamo una vita spegnersi».

Il pubblico presente

È dunque il valore della vita ad aver unito i due enti, apparentemente diversi, nel difficile compito di sensibilizzare l’opinione pubblica, accrescendo il numero dei donatori di midollo osseo, vincendo timori e pregiudizi, consentendo ai malati un insperato trapianto, l’unica possibilità di guarire da gravi patologie come leucemie e tallasemie: «Ogni anno – ha sottolineato l’avvocato pescarese Paola De Angelis, presidente nazionale di Admo – mille persone, per metà bambini, necessitano di un trapianto. Ma per loro, solo un terzo dei donatori è reperibile in famiglia e tutti gli altri devono affidarsi a donatori estranei non consanguinei, con un rapporto di compatibilità di 1 su 100.000. Per questo, aumentando i donatori aumenteremo le possibilità di vita».

Un messaggio chiarissimo, quest’ultimo, sostenuto dagli ospiti intervenuti, a partire da un ex donatore illustre come-+

Monsignor Valentinetti, nel corso del suo intervento

l’arcivescovo di Pescara, monsignor Tommaso Valentinetti: «Nel Giudizio Universale – ha riflettuto il presule – ci verrà chiesto come avremo risposto all’altrui richiesta d’amore. Il volontariato è proprio un atto d’amore e mi auguro che tanti giovani possano rispondere alla vostra richiesta». I giovani. Solo loro, in età compresa fra i 18 ed i 35 anni, potranno aggregarsi ai 332mila donatori italiani, fra cui 5346 abruzzesi.

Altre riflessioni a sostegno della donazione del midollo osseo sono state quelle di Nazario Pagano, presidente del Consiglio Regionale, Guerino Testa, presidente della Provincia, Nicola Trifuoggi, Procuratore della Repubblica, Claudio D’Amario, manager della Asl, ma le più significative sono state quelle di chi ha vissuto l’esperienza sulla propria pelle: «A 23 anni dalla mia iscrizione – ha raccontato l’avvocato pescarese Marco Bonsignore – ho donato salvando un ragazzo di 13 anni. L’ho fatto, perché amo profondamente la vita».

About Davide De Amicis (2698 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website