Ultime notizie

“Sempre più importante parlare di famiglia”

Il leader della Cisl Bonanni invoca da Chieti una politica più attenta

Bonanni

“Parlare di famiglia oggi è sempre più importante”: è questo il messaggio che Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, lancia in occasione della XVII Giornata Internazionale della Famiglia. Il leader del sindacato cattolico sceglie Chieti e, insieme all’arcivescovo di Chieti-Vasto mons. Bruno Forte, che ritiene l’incontro importante perchè rimette al centro quella che definisce “la cellula fondamentale della cosietà”, parla al convegno sul tema Una città costruita a misura di famiglia: “Servono politiche pubbliche più attente” osserva “Attraversiamo un momento non usuale nella vita nazionale ed europea”. Per Bonanni, la crisi riguarda noi occidentali che non riusciamo più a proporre modelli di sviluppo. Il segretario Cisl sottolinea che la famiglia “è il principale ammortizzatore sociale perchè provvede a disoccupati, disabili, anziani e a tutte le categorie in sofferenza”. Il leader sindacale definisce troppo facile il ricorso ai tagli sul sociale e sottolinea che i fondi per misure a favore della famiglia possono essere recuperati grazie alla lotta contro l’evasione fiscale, che quest’anno ha portato al recupero di 25 miliardi di euro, e attraverso il taglio di una spesa pubblica che “sarebbe ridicola – ha detto – se non si trattasse di una cosa seria: abbiamo infatti lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni, le comunità montane, mentre Obama prende la stessa indennità del Presidente della Provincia di Bolzano”. In questo clima di paralisi, secondo Bonanni, il federalismo rischia di diventare l’ennesimo baraccone: “Se non si danno ai giovani nuovi desideri di crescere, non diamo nulla” ha osservato ancora il Segretario Cisl per il quale “le Istituzioni devono muoversi molto di più!” Bonanni ha elencato le richieste fatte dal sindacato per le famiglie: spostare parte dei tributi dalle persone alle cose che acquistiamo, cioè all’Iva, riducendo così l’evasione; fare una riforma generale del fisco che consideri l’intero reddito familiare, riducendo le tariffe pagate dai vari nuclei familiari per servizi i cui costo vengono oggi calcolati spesso sulla base della somma dei singoli redditi individuali; favorire investimenti e servizi; introdurre maggiori tutele per le madri lavoratrici. Il segretario della Cisl ha sottolineato che qualcosa si sta muovendo spiegando infine la linea del suo sindacato: “Noi gli scioperi li facciamo di sabato o di sera, perchè di soldi ce ne sono già troppo pochi!”

About Massimiliano Spiriticchio (680 Articles)
Laureato in Scienze della Comunicazione e giornalista pubblicista, collabora da vari anni con Radio Speranza
Contact: Website