Ultime notizie

La Chiesa torna in “missione”

Si svolgerà durante la prossima Quaresima “Missione metropoli”, il nuovo progetto di evangelizzazione, su larga scala, della Chiesa

Monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della nuova evangelizzazione

La prossima, per la Chiesa, sarà una Quaresima di evangelizzazione grazie a “missione metropoli”, la nuova iniziativa pastorale curata dal nuovo Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, presieduto da monsignor Rino Fisichella, che si svolgerà contemporaneamente in alcune grandi città europee.

L’iniziativa, presentata nei giorni scorsi dai microfoni di Radio Vaticana, è stata ideata con il coinvolgimento dei cardinali e vescovi di Barcellona, Esztergom-Budapest, Mechelen-Bruxelles, Dublino, Colonia, Lisbona, Liverpool, Parigi, Torino, Varsavia e Vienna: «Benedetto XVI- ha spiegato monsignor Fisichella – parlando alla prima plenaria del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, ha detto quanto sia decisivo andare oltre la frammentarietà e presentare segni concreti capaci di dare risposta alle grandi sfide presenti nella società. Di qui l’idea di porre in atto una “missione metropoli” per dare un segno di unità tra diverse diocesi presenti in grandi città europee particolarmente segnate dal secolarismo».

Il progetto, al momento, sarà sperimentato solo in alcune grandi diocesi, così da verificarne concretamente l’efficacia, ma in futuro dovrebbe estendersi ben oltre i confini europei, nel rispetto delle tradizioni culturali ed ecclesiali. La scelta del “vecchio continente”, sarebbe poi determinata dal fatto che due Sinodi, fino ad ora, hanno riflettuto sull’attuale situazione: «Nel 1991 e nel 1999 – ha ricordato il presule – i vescovi hanno analizzato con franchezza non solo le condizioni sociali e culturali di questi Paesi, ma soprattutto in quale modo le Chiese avrebbero potuto dare una risposta adeguata. Così, con “Ecclesia in Europa”, Giovanni Paolo II indicava un percorso per recuperare un impegno unitario delle Chiese. In questo senso, la “missione metropoli” intende essere un primo passo».

La nuova missione si caratterizzerà per la realizzazione di iniziative comuni e contemporanee, le quali troveranno spazio nella pastorale ordinaria con un impegno specifico nella formazione , soprattutto durante la Quaresima 2012, con segni pubblici offerti alla città e la cattedrale sarà il luogo centrale per questi segni. Saranno questi i luoghi di culto che ospiteranno letture continuate dei Vangeli, tre catechesi del vescovo dedicate ai giovani, alle famiglie e ai catecumeni, incentrate sulle tematiche della fede. Questi momenti liturgici, verranno infine completati dal compimento di una gesto di carità, atto a stabilire che la fede professata e pregata, deve essere anche testimoniata.

Il tutto dovrebbe poi venire arricchito dal compimento di un gesto di spiritualità, rappresentato dalla lettura di testi significativi, tratti ad esempio dalle Confessioni di Sant’Agostino: «Insomma, – ha concluso il Presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione – la “missione metropoli” intende raggiungere quanti vivono la fede, ma spesso senza la consapevolezza delle peculiarità che essa infonde nello stile di vita e quanti, pur lontani dalla fede, sono però attratti dalla persona di Gesù Cristo».

About Davide De Amicis (2965 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website

1 Comment on La Chiesa torna in “missione”

  1. Raffaele // 29 Luglio 2011 a 15:16 //

    Riflettevo sul Vangelo di domenica 31 luglio, la narrazione della moltiplicazione dei pani e dei cinque pesci (Mt 14,13-21), altamente simbolica per ciò che il Signore vuole dirci. Il mondo occidentale non sperimenta più la fame dello stomaco, siamo sazi disperati, per cui si fa fatica a suscitare la fame dell’anima. Penso sia proprio bella la iniziativa pastorale proposta con “Missione metropoli”. Ritengo che è compito anche di noi credenti, discepoli, le persone di fede semplice, sincera e convinta, a far venire la nostalgia del tesoro e a parlare della perla preziosa. Solo il Signore può colmare il cuore.

I commenti sono bloccati.