Ultime notizie

La Gioconda nuda al Liceo Classico

Alessandro Vezzosi (nella foto), direttore del Museo Ideale di Vinci e massimo conoscitore dell’opera di Leonardo, ieri ha affascinato gli studenti del liceo “D’Annunzio”, raccontando la Gioconda tra mito e verità

È stata un ulteriore approfondimento sulla figura di Leonardo Da Vinci e sull’enigma della Gioconda nuda, esposta fino al prossimo 30 Settembre nella Sala dei Marmi della Provincia, la conferenza dal titolo “Mito e verità”: le Gioconde da Leonardo a D’Annunzio”, svoltasi ieri mattina nell’aula magna del Liceo Classico.

La conferenza

Un’occasione per fare chiarezza sulla vero significato dell’opera, nel mare della disinformazione e dei falsi scoop che da sempre circondano il dipinto:«Leonardo – ha spiegato il professor Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale di Vinci – è conosciuto nel mondo, ma viene spesso frainteso in una logica consumistica, così come “La Gioconda” è l’opera più famosa al mondo che però non è conosciuta nei suoi valori culturali: dobbiamo distinguere il mito dalla verità».

A tal proposito, lo studioso ha citato il caso di più riviste scientifiche che avrebbero negato l’esistenza di Monna Lisa, la quale altro non sarebbe se non il volto dello stesso Leonardo, salvo poi annunciare il ritrovamento delle ossa della Gioconda. Sulla Gioconda, dunque, al di là delle illazioni, molto sarebbe ancora da scoprire, dalla committenza alla datazione, fino all’identità del personaggio rappresentato nell’opera.

E poi, c’è il nuovo filone di ricerca dedicato alle diverse “Gioconde nude” ritrovate nel mondo, come la “Gioconda del cardinale Fesch”, in mostra a Pescara:«Viene definita – ha illustrato Alessandro Vezzosi – come l’ultima invenzione

La Gioconda nuda esposta a Pescara

pittorica di Leonardo, un nuovo binario di ricerca nel quale confluiscono tante ipotesi storiche ed una vasta iconografia». Ma oltre alla storia dell’arte ciò che ha più affascinato la platea, composta dagli studenti dell’istituto, è stato il riferimento a Gabriele D’Annunzio, profondo conoscitore di Leonardo al quale dedicò più versi, interpretati in sala dall’attore Carlo Orsini.

La conferenza, che ha visto anche la partecipazione del prefetto, Vincenzo D’Antuono, e dell’assessore provinciale alla Pubblica Istruzione, Fabrizio Rapposelli, è stata moderata dalla preside Luciana Vecchi:«Con questi eventi – ha auspicato il dirigente scolastico – vorremmo che questa scuola diventasse un punto di riferimento culturale per l’intero territorio pescarese».

About Davide De Amicis (2489 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website