Ultime notizie

Lampedusa, l’unico porto sicuro per i migranti

Lo afferma una sottocommissione del Consiglio d’Europa, in un rapporto, dopo un sopralluogo sull’isola: “I centri devono essere d’accoglienza e non di detenzione

Sbarchi a Lampedusa

I centri di accoglienza di Lampedusa non sono idonei ad accogliere gli immigrati irregolari. È questo l’accusa avanzata dalla sottocommissione, nominata ad hoc dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, che ieri ha diffuso un dettagliato rapporto in seguito al sopralluogo compiuto sull’isola il 23 e 24 Maggio scorsi, così da monitorare la situazione degli sbarchi in massa di emigranti e rifugiati politici: «I centri d’accoglienza – ha affermato con preoccupazione Christopher Chope, presidente della sottocommissione – debbono mantenere la loro caratteristica che è, appunto, fornire assistenza ai migranti. Non debbono trasformarsi in centri di detenzione».

Il riferimento è al trattamento che viene riservato ad alcuni immigrati: «I tunisini, in pratica, – dichiara la sottocommissione – vi vengono imprigionati e neppure il giudice vi ha accesso». Tutto questo, a seguito della tensione cresciuta nelle ultime settimane ed esplosa con l’incendio appiccato,  lo scorso 20 Settembre, nel principale centro d’accoglienza dell’isola che ha causato danni ingenti ed una recrudescenza della violenza, portando le autorità italiane a definire Lampedusa “porto non sicuro”: «Bisogna condannare – aggiungono i membri della sottocommissione – fortemente la violenza, anche perché non rende giustizia agli sforzi compiuti ogni giorno dalla popolazione locale e dalla Guardia Costiera per assistere i naufraghi e offrire loro un rifugio temporaneo sull’sola».

Christopher Chope

Del resto, il 2011 è stato un anno segnato da diverse tragedie nel Mediterraneo, con migliaia di persone che non sono sopravvissute nel tentativo di raggiungere le coste europee. Per questo, data la sua vicinanza con il Nord Africa, Lampedusa appare come il luogo più sicuro per impedire altri naufragi: «Se si considera Lampedusa – osserva Chope – porto non sicuro, le traversate di chi lascia l’Africa per l’Europa saranno più lunghe e pericolose, e le operazioni di salvataggio della Guardia Costiera italiana verranno compromesse dalle maggiori distanze. Per salvare vite umane, è urgente che Lampedusa sia in grado di accogliere gli emigranti».

Dunque, nel rapporto, la commissione invita le nostre autorità ad aumentare il più possibile le capacità d’accoglienza e ad assicurare il rapido trasferimento dei nuovi arrivati in altri centri, in Italia. Inoltre, sarebbe necessario adeguare, al più presto, le strutture all’accoglienza dei minori non accompagnati, assicurandosi che i bambini vengano separati dagli adulti e soprattutto non detenuti. Questo perché Lampedusa resta il primo porto di attracco per i flussi migratori provenienti da Libia e Tunisia: «Gli sbarchi – conclude la delegazione – non sono diminuiti. L’Italia e l’Europa debbono far fronte ai futuri sbarchi che si prevedono sempre più numerosi».

About Davide De Amicis (2488 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website