Ultime notizie

Tg deprimenti, meglio gli spot comici

Gli italiani, secondo uno studio, considerano deprimenti i tg, mentre gli spot comici sono antistress

Presentando gli indici di borsa in caduta libera, gli spread in impennata, le tasse e le accise impazzite, le dure immagini della guerriglia urbana in Grecia, assurdi e drammatici casi di malasanità e tanto altro ancora, i telegiornali con il loro susseguirsi ininterrotto di cattive notizie vengono considerati in assoluto la tipologia di programmi televisivi più depressiva. Sono gli spot, al contrario, a tirar su di morale gli spettatori.

Tutto questo emerge dallo studio condotto dall’agenzia formativa “Polo Psicodinamiche” di Prato su un campione di 430 italiani appassionati consumatori di televisione, rappresentativo del Nord, Centro e Sud Italia, di età compresa fra i 22 ed i 74 anni. Così, per il 31% degli utenti intervistati l’incessante carrellata di news negative dei tg è fonte di stress, ma non sono considerati da meno, secondo il 24% del campione, le zuffe e gli eccessi di violenza fisica e verbale intercorsi tra i protagonisti dei reality show come il “Grande Fratello” e l’”Isola dei Famosi”.

Seguono poi in successione i toni urlati ed aggressivi dei programmi di infotainment, che al 16% degli spettatori suscita inquietudine ed apprensione un po’ come avviene anche per le liti e le risse che coinvolgono i protagonisti dei contenitori sportivi, secondo l’11% degli intervistati. Dunque solo gli spot pubblicitari, specie alcuni particolarmente apprezzati, riescono ad essere considerati degli efficaci antistress contro l’angoscia delle brutte notizie. E tutto ciò, a detta del 29% dei telespettatori, sembra essere merito dei protagonisti degli spot, in gran parte comici capaci di strappare un sorriso o una risata ad ogni visione.

About Davide De Amicis (2489 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website