Ultime notizie

Cristiani discriminati anche in Europa

I casi sono aumentati nel 2011, secondo il rapporto dell’Osservatorio sull’intolleranza e sulla discriminazione in Europa

La negazione della parità dei diritti per i cristiani e la loro emarginazione sono fenomeni di importanza crescente nel mondo occidentale. Infatti, vengono registrati sempre più casi di intolleranza e di discriminazione nei confronti dei cristiani d’Europa mentre, allo stesso tempo, il grande interesse dei media ha dato voce all’anonima sofferenza di casi di persone che acquisiscono una rilevanza internazionale.

Card. Péter Erdõ, presidente del Ccee

Emerge questo dal rapporto 2011 sui casi di intolleranza pubblicato lunedì sul sito dell’Osservatorio sull’intolleranza e la discriminazione religiosa in Europa (Oidce), www.intoleranceagainstchristians.eu: «Il rapporto 2011 – scrive il Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa in una nota – è l’unica indagine esauriente esistente riguardo alla situazione dei cristiani in Europa». Così, in una scheda elaborata dal Ccee per presentare i dati del rapporto, si evince che lo scorso anno è stato denso di dibattiti pubblici sulla religione, a partire dall’assassino norvegese Andres Breivik definito erroneamente un “fondamentalista cristiano”: «Un’etichetta – sottolinea il Ccee – attribuita sconsideratamente e precipitosamente».

Ha invece rappresentato uno sviluppo positivo l’ormai noto “caso Lautsi”, la madre di Abano Terme che nel 2002 richiese la rimozione dei crocifissi dalle aule della scuola media frequentata dai figli ad Abano Terme, con la Grande Camera della Corte europea dei Diritti Umani che ha ribaltato la sentenza pro-rimozione emessa in primo grado, precisando che la presenza dei crocifissi nelle aule delle scuole statali italiane, le quali attribuivano una visibilità maggiore alla religione di maggioranza del paese scolasticamente parlando, non basta per delineare un caso di indottrinamento. Il che, quindi, non violava il diritto alla libertà di religione di quei genitori laicisti, il signore e la signora Lauti.

Un altro momento significativo del 2011, è stato infine delineato da una risoluzione dell’Assemblea parlamentare dell’Osce che sollecitava il dibattito pubblico sull’intolleranza e la discriminazione contro i cristiani in Europa. La risoluzione chiedeva un riesame delle norme indicanti potenziali conseguenze negative per i cristiani.

About Davide De Amicis (2489 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website