Ultime notizie

Ripensare l’istruzione per un’Europa competitiva

E’ l’obiettivo dell’iniziativa politica “Ripensare l’istruzione”, presentata oggi dalla Commissione europea per migliorare le competenze degli studenti europei

«Soltanto se dotiamo i bambini e i giovani delle abilità necessarie, comprese le cosiddette “abilità trasversali”, assicureremo che l’Unione europea disponga dei mezzi per rimanere competitiva e cogliere le opportunità offerte dall’economia della conoscenza». Lo ha affermato Androulla Vassiliou, Commissario europeo per l’Istruzione e la Cultura, anticipando una serie di argomenti inseriti nell’iniziativa politica denominata “Ripensare l’istruzione”, presentata quest’oggi.

Androulla Vassiliou, Commissario europeo

Nello specifico la Commissione, dopo aver svolto un’ampia indagine in 31 Paesi, i 27 Stati dell’Unione Europea più Croazia, Turchia, Norvegia e Islanda, ha dedotto come, oltre alle tradizionali discipline insegnate a scuola, sia necessario rafforzare la conoscenza e la capacità di valutazione da parte dei sistemi scolastici in materie quali le competenze informatiche, l’imprenditorialità e la cittadinanza. Sono queste le materie che non sono oggetto di studio in tutti i Paesi oppure mancano adeguati sistemi didattici ed educativi: «Le scuole in generale – ha aggiunto il Commissario Vassiliou – prestano un’attenzione insufficiente a queste abilità trasversali rispetto a quelle di base, quali la capacità di leggere e scrivere oppure la matematica».

Comunque le otto competenze sulle quali oggi ha insistito la Commissione europea , con l’iniziativa “Ripensare l’istruzione”, sono la comunicazione nella madrelingua, la comunicazione in lingue straniere, la competenza matematica e le competenze di base in campo scientifico e tecnologico, la competenza digitale, “imparare a imparare”, le competenze sociali e civiche, “senso di iniziativa e di imprenditorialità”, e “consapevolezza ed espressione culturali: «L’integrazione delle competenze informatiche – ha relazionato l’Esecutivo europeo – dell’imprenditorialità o dell’educazione alla cittadinanza nelle discipline centrali può imporre alle scuole di cambiare la didattica e di definire obiettivi di apprendimento concordati e adeguati metodi di valutazione».

About Davide De Amicis (2807 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero ed è direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website