Ultime notizie

Pescara: la città consacrata alla Madonna

Dopo 50 anni il capoluogo adriatico, e la sua comunità, attraverso una solenne cerimonia sul Ponte del Mare è tornato a consacrarsi alla Madonna

Le avverse condizioni meteorologiche, ieri, non hanno impedito all’intera comunità pescarese e diocesana di ritrovarsi insieme, nel giorno dell’Immacolata Concezione, per ridire il proprio “Eccomi” alla Vergine Maria tornando a riconsacrare solennemente, a distanza di 50 anni, la città di Pescara alla Madonna attraverso un’intensa e suggestiva cerimonia svoltasi nella parrocchia del Cuore Immacolato di Maria.

La parrocchia del Cuore Immacolato

Dapprima l’arcivescovo di Pescara-Penne, monsignor Tommaso Valentinetti, che ha presieduto una messa solenne alla presenza di centinaia di fedeli che hanno gremito le navate della chiesa, oltre che delle principali autorità civili quali il Presidente della Provincia di Pescara Guerino Testa, l’assessore al Turismo Maria Grazia Palusci, il Presidente della Circoscrizione Porta Nuova Piernicola Teodoro e il Comandante della Polizia municipale Carlo Maggitti. Al termine della funzione, alle 11.30, ha quindi preso il via una processione guidata dal parroco don Emilio Lonzi: alla testa del corteo i lupetti e le coccinelle del gruppo scout, seguiti dai parroci, dall’immagine del Cuore Immacolato di Maria e quindi da autorità e fedeli che, in preghiera, ricordando i momenti che precedettero la nascita di Gesù, hanno attraversato l’intera via Vespucci, quindi il lungomare Cristoforo Colombo, tutti rigorosamente chiusi al traffico dai 10 agenti della Polizia municipale al seguito dell’evento, coordinati dal maggiore Paolo Costantini.

Quindi il lungo corteo ha raggiunto la sommità del Ponte del Mare e con l’immagine della Madonna rivolta ad ovest, è stata recitata la nuova formula di consacrazione della città alla Madonna: «Tu sei la Vergine del Monte Carmelo – ha proclamato don Emilio Lonzi -: fa che possiamo sempre progettare traguardi alti e faticare tutti quotidianamente per poterli raggiungere; metti nelle nostre coscienze la sete per i valori che contano, la sacralità della vita, la pace delle famiglie, l’amore per gli altri. A te, in questo giorno, presentiamo le grazie di cui tutti abbiamo bisogno: la salute per gli ammalati, la serenità per i giovani e le famiglie, la speranza per chi l’ha perduta, la pace per tutti. A te oggi umilmente chiediamo per Pescara e per i pescaresi e tutti coloro che abitano, lavorano o sono presenti nella nostra città, la provvidenza che questo popolo ha sempre invocato.

Il vice sindaco di Pescara, Berardino Fiorilli

Troppe famiglie mancano del necessario, troppe persone sono indigenti. A te chiediamo la saggezza per far sì che questa città, illuminata dalla tua umile sapienza riprenda a essere provvidenza per tutti con le sue risorse e le sue potenzialità. Libera questa città dalle realtà del male, dell’odio, della delinquenza, fa che possiamo spezzare le catene che dividono e creare un’unica catena che tutti ci unisce. Assisti l’amministrazione, il Consiglio comunale, le autorità civili, militari, il nostro Arcivescovo, i sacerdoti, i diaconi, i ministri istituiti, ogni uomo e donna di buona volontà perché possiamo cercare il bene e il bello per questa città. Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio, non disprezzare le nostre suppliche, ma liberaci da ogni pericolo» .

Al termine della formula, è stata quindi impartita la benedizione su tutta la città con la processione che ha fatto rientro al Cuore Immacolato transitando in via Andrea Doria, in omaggio alla marineria, e in via don Pasquale Brandano: «Aver partecipato dopo cinquant’anni a una celebrazione tanto solenne e così carica di significato per la nostra comunità è stato un onore – ha sottolineato il vicesindaco di Pescara, Berardino Fiorilli -. Oggi, tutti insieme, abbiamo riaffidato la nostra amata città alla Madonna, affinché illumini il nostro cammino quotidiano e ci dia la giusta serenità per professare i valori della solidarietà e del sostegno del prossimo».

About Davide De Amicis (2704 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website