Ultime notizie

Francesco, il “vescovo” del dialogo

Il commento sull’elezione del nuovo Papa di monsignor Valentinetti

«Siamo molto contenti della scelta del collegio cardinalizio». Con queste parolemonsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne, commenta l’elezione di Jorge Mario Bergoglio. Una scelta che secondo il presule è in continuità con le volontà dell’ultimo conclave. «Se è vero che il suo nome era tra i candidati nell’elezione di papa Ratzinger – chiarisce il presule – è evidente che la scelta sia caduta su un uomo già conosciuto dai fratelli cardinali».

Certamente, come segnalato nell’editoriale del nostro notiziario, il nome “Francesco” dice la volontà di rinnovamento, di umiltà, di evangelizzazione.

«La scelta di Francesco – spiega Valentinetti – lascia ben sperare sulla possibilità di dialogo tra il nuovo vescovo di Roma, la sua diocesi e l’intera realtà della Chiesa universale che lo accoglie come uomo mandato da Dio a ridire le parole della fede, della speranza e della carità».

La “normalità” è ciò che ha entusiasmato i fedeli ed è la speranza dell’arcivescovo

«Ci auguriamo – ha concluso  che il programma espresso dal suo nome sia veramente attuato dalla sua persona con la stessa semplicità con cui si è presentato ieri sera davanti ai fedeli riuniti in piazza San Pietro».

 

About Simone Chiappetta (448 Articles)
Direttore responsabile del notiziario online "Laporzione.it" e responsabile dell'Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Pescara-Penne. Laureato in Scienze della Comunicazione sociale e specializzato in Giornalismo ed Editoria continua la ricerca nell'ambito delle comunicazioni sociali. Ha collaborato con quotidiani di cronaca locale e ha coordinato negli ultimi anni la pagina diocesana di Avvenire.
Contact: Website

3 Comments on Francesco, il “vescovo” del dialogo

  1. Lello Melillo // 14 marzo 2013 a 17:46 //

    Il Dialogo vero, esige il mantenimento della propria identità e l’affermazione della VERITA’, con carità, ma la VERITA’. In quanto alla evangelizzazione, il Vangelo va annunciato e/o riannunciato a tutti, e non a tutti tranne Musulmani, Ebrei, Induisti, Animisti ecc ecc ecc.

  2. Spero vivamente che Papa Francesco, rinnovi la chiesa, allontanandola da quel potere temporale che perde di vista la vicinanza al popolo e agli ultimi della terra.

  3. PAOLA // 14 marzo 2013 a 14:54 //

    Sono convinta che il buon giorno si vede dal mattino perciò ringrazio il Potefice per la vicinanza dimostrata verso i fedeli contenti di assicurare una spirituale vicinanza utile durante lo svolgimento del Suo operato.
    Se tutte le persone che contano dimostrassero la vicinanza con gli uomini che vivono le gioie e le difficoltà della quotidianità, il mondo sarebbe migliore.

I commenti sono bloccati.