Ultime notizie

Un grande successo la Colletta del libro

Sono stati 360 i volumi acquistati e donati, in cinque librerie pescaresi, che verranno distribuiti nel carcere di San Donato e a strutture per minori

Volontari in servizio alla Colletta del libro

La donazione di un libro

Con un bilancio di 360 volumi acquistati e donati sabato scorso, 27 aprile, può dirsi archiviata come un grande successo la prima edizione della Colletta del Libro, l’originale iniziativa promossa dall’associazione di volontariato Stella del Mare, Caritas Diocesana Pescara-Penne, e Casa Circondariale di Pescara, con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato di Pescara ed il patrocinio di Comune e Provincia di Pescara, che si è svolta in cinque librerie di Pescara: Edizioni San Paolo, Mondadori, Librincentro, Feltrinelli e Giunti al Punto.

Alcuni volontari della Colletta del Libro

I volumi donati, per un valore complessivo di 2.963 euro, saranno ora distribuiti al carcere di Pescara e ad alcune strutture di accoglienza di minori disagiati: il centro di aiuto allo studio gestito dall’associazione Stella del Mare a Pescara, e la comunità L’Aquilone di Spoltore gestita dalla cooperativa Kaleidos. Ad accogliere i clienti nelle cinque librerie una cinquantina di volontari, di cui dieci detenuti del carcere di Pescara, in permesso ex articolo 21, che hanno spiegato il senso dell’iniziativa sottolineando il dono di romanzi e racconti a chi vive nel disagio, come opportunità di rinascita e di crescita: «Siamo molto soddisfatti – hanno commentato i promotori della Colletta del Libro – per la riuscita di un’iniziativa che, alla sua prima edizione, ha catturato il consenso di moltissime persone che con entusiasmo hanno scelto di donare questi volumi, testimoniando la condivisione della nostra proposta: la cultura come volano di rinascita per chi vive nel disagio e nell’emarginazione, contribuendo alla loro educazione e alla necessaria apertura di orizzonti.

Siamo stati spettatori di una gara di solidarietà e di riconciliazione, perché donare un libro destinandolo ai detenuti è un grande segno di civiltà e di vicinanza a chi ha sbagliato, dandogli l’opportunità di ripartire su basi diverse. Sarà nostra cura, adesso, consegnare questi libri ai destinatari, a partire dal carcere. Siamo certi che ripeteremo questo gesto anche l’anno prossimo. Il nostro sentito grazie va a tutte le persone che hanno donato, a tutte le librerie che si sono coinvolte, ai volontari e a tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito alla riuscita dell’iniziativa».

About Davide De Amicis (2508 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website