Ultime notizie

“Camminare sotto la grazia è la nostra vita”

Lo ha affermato Papa Francesco aprendo ieri, nell’aula Paolo VI, il Convegno ecclesiale della diocesi di Roma

Papa Francesco

«Camminare sotto la grazia è la nostra vita, noi siamo liberi per questo. Vivere sotto la grazia, dono di Gesù Cristo, è una rivoluzione che cambia in profondità il cuore di Roma». Sono state queste le parole pronunciate ieri da Papa Francesco, nell’aula Paolo VI, intervenendo al Convegno ecclesiale della diocesi di Roma dal tema “Cristo, tu ci sei necessario!”.

Parole pronunciate nell’ambito della catechesi incentrata sul testo di San Paolo ai cristiani di Roma: «Io non mi vergogno del Vangelo (che darà l’orientamento al lavoro pastorale di questi giorni di Convegno diocesano, ndr) – ha spiegato il Papa -. In mezzo al tanto dolore e ai tanti problemi che ci sono qui a Roma, ci sono persone che vivono senza speranza e sono immerse in una profonda tristezza da cui pensano di uscire cercando la felicità nella sessualità senza regole, nell’alcool, nella droga, nel gioco d’azzardo. Ma si ritrovano ancora più delusi e sfogano la loro rabbia verso l’uomo».

L'aula Paolo VI in Vaticano

Insomma, per il Santo Padre, essere cristiani, soprattutto oggi, significa essere rivoluzionari: «Per essere santi – ha sottolineato il Pontefice – non è necessario avere una faccia di immaginetta: una sola cosa è necessaria, accogliere la grazia che il Padre ci fa in Gesù Cristo. Così, da cuore di pietra, il nostro cuore diventa di carne mediante la grazia, che non si compra e non si vende, ma è un regalo di Dio in Gesù Cristo. E noi altrettanto gratuitamente dobbiamo darla ai fratelli e alle sorelle. Anche la speranza non si può comprare, è un dono di Dio: noi dobbiamo offrirla con la nostra testimonianza e la nostra gioia. Noi, non possiamo essere indifferenti verso questa città che ci chiede aiuto per guardare al futuro con maggiore fiducia. Con la mia testimonianza, dite “io ho un Padre”, non siamo orfani. Il nostro compito è condividere questa filiazione con tutti gli altri. Non si tratta di fare proselitismo: il Vangelo è come il seme, si semina con la parola e la testimonianza. Non occorrono statistiche, ma semine: con la certezza che l’acqua poi la dà Lui».

L’annuncio del Vangelo, ha ribadito il Papa, è destinato in modo particolare ai poveri: «Non dobbiamo diventare pauperisti o una sorta di barboni spirituali – ha avvertito Papa Francesco -, ma andare verso la carne di Gesù che soffre e verso le periferie esistenziali. Serve, pertanto, uscire da noi stessi con coraggio, per dare una testimonianza forte, e con sopportazione, che ci consente di portare sulle spalle le cose che non si possono cambiare ancora».

Il Santo Padre ha quindi invitato tutti ad andare dove gli uomini vivono, lavorano e soffrono per annunciare la grazia: «A voi – ha esortato il Pontefice – dico di essere ovunque portatori della parola di vita nei nostri quartieri, nei luoghi di lavoro. Dovete andare fuori. Non capisco le comunità cristiane chiuse. E se il diavolo getta ogni giorno nei nostri cuori semi di amarezza e pessimismo – ha concluso Papa Francesco – dobbiamo prepararci alla lotta spirituale: senza, non si può predicare il Vangelo, questo è un martirio che si vive ogni giorno».

About Davide De Amicis (2464 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website