Ultime notizie

Vaticano: è Parolin il nuovo segretario di Stato

E’ stata una nota della Sala Stampa vaticana, ieri, ad ufficializzare il cambio al vertice della Segreteria di Stato

Cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano

Il Santo Padre, secondo il Canone 354 del Codice di Diritto Canonico, ieri ha accettato le dimissioni di Sua Eminenza il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, per motivi d’età chiedendogli però di rimanere in carica fino al 15 ottobre 2013, con tutte le facoltà inerenti a tale ufficio. Contestualmente, Papa Francesco ha nominato monsignor Pietro Parolin, finora Nunzio Apostolico in Venezuela, come suo successore sempre a partire dal 15 ottobre, quando il Pontefice riceverà in Udienza Superiori ed Officiali della Segreteria di Stato per ringraziare pubblicamente il cardinale Tarcisio Bertone per il suo fedele e generoso servizio alla Santa Sede, presentando loro il nuovo segretario di Stato.

Card. Tarcisio Bertone, segretario di Stato uscente

Lo si è letto in una nota diffusa ieri dalla Sala Stampa della Santa Sede. Monsignor Parolin è nato a Schiavon in provincia di Vicenza il 17 gennaio di 58 anni fa, figlio di un negoziante di ferramenta e di una maestra elementare. Rimane orfano di padre ad appena dieci anni. Ordinato sacerdote a 25 anni diventa viceparroco nella parrocchia della Santissima Trinità di Schio prima di entrare, nel 1983, nella Pontificia Accademia Ecclesiastica. Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, presta la propria opera presso le nunziature di Nigeria e Messico. Poi rientra a Roma dove, nel 2002, viene nominato sotto-segretario della Sezione per i Rapporti con gli Stati, occupandosi in particolare delle relazioni tra la Santa Sede e i paesi asiatici, su tutti Vietnam e Cina, fornendo un apporto fondamentale all‘adesione vaticana al Trattato di non proliferazione nucleare. Nel 2009 viene nominato nunzio apostolico in Venezuela. Il 12 settembre 2009 nella Basilica di San Pietro, viene consacrato vescovo da Benedetto XVI.

Poco dopo l’ufficialità della nomina, ieri è anche giunto il primo commento a caldo del Segretario di Stato Vaticano in pectore: «Nel momento in cui viene resa pubblica la nomina a Segretario di Stato – ha sottolineato monsignor Pietro Parolin -, desidero esprimere profonda e affettuosa gratitudine al Santo Padre Francesco, per l’immeritata fiducia che sta dimostrando nei miei confronti, e manifestargli rinnovata volontà e totale disponibilità a collaborare con Lui e sotto la Sua guida per la maggior gloria di Dio, il bene della Santa Chiesa e il progresso e la pace dell’umanità, affinché essa trovi ragioni per vivere e sperare. Sento viva la grazia di questa chiamata, che, ancora una volta, costituisce una sorpresa di Dio nella mia vita e, soprattutto, ne sento l’intera responsabilità, perché essa mi affida una missione impegnativa ed esigente, di fronte alla quale le mie forze sono deboli e povere le mie capacità. Per questo, mi affido all’amore misericordioso del Signore, dal quale nulla e nessuno potrà mai separarci, e alle preghiere di tutti. Tutti ringrazio, fin d’ora, per la comprensione e per l’aiuto che, in qualsiasi forma, mi vorranno prestare nello svolgimento del nuovo incarico».

Papa Francesco

Infine, dopo aver ripercorso tutta la sua vita a servizio della Chiesa nel mondo, l’ormai ex Nunzio Apostolico in Venezuela si è fatto carico della sua nuova missione: «Mi pongo – ha concluso il nuovo Segretario di Stato Vaticano -, con trepidazione, ma anche con fiducia e serenità, in questo nuovo servizio al Vangelo, alla Chiesa e al Papa Francesco, disposto – come Lui ci ha chiesto fin dall’inizio – a camminare, edificarecostruire e confessare. Che la Madonna, che a me piace invocare con i titoli di Monte Berico, Guadalupe e Coromoto, ci dia il coraggio di camminare in presenza del Signore, con la Croce del Signore; di edificare la Chiesa sul sangue del Signore, che è versato sulla Croce; e di confessare l’unica gloria, il Cristo crocifisso. E così la Chiesa andrà avanti. E, come si dice in Venezuela: “¡Que Dios les bendiga!”».

About Davide De Amicis (2534 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website