Ultime notizie

“I religiosi? Uomini e donne per svegliare il mondo”

Lo ha ricordato Papa Francesco nell’intervista del 29 novembre scorso, rilasciata a La Civilità Cattolica, pubblicata venerdì

Padre Antonio Spadaro, direttore La Civiltà Cattolica

«La Chiesa deve essere attrattiva. Svegliate il mondo! Siate testimoni di un modo diverso di fare, di agire, di vivere! È possibile vivere diversamente in questo mondo». È stata questa una delle richieste rivolte da Papa Francesco all’Unione superiori generali, durante il dialogo durato circa tre ore avvenuto lo scorso 29 novembre e raccontato da “La Civiltà Cattolica”, nel numero uscito venerdì pomeriggio. A firmare la cronaca dello scambio improvvisato di domande e di risposte sui nodi e le sfide attuali della vita religiosa , tra il Papa e i 120 superiori generali, è stato Padre Antonio Spadaro, direttore della rivista della Compagnia di Gesù, che ha partecipato all’incontro.

Si è parlato di uno sguardo escatologico, dei valori del Regno incarnati qui, su questa terra: «La radicalità evangelica – spiega il Pontefice – non è solamente dei religiosi: è richiesta a tutti. Ma i religiosi seguono il Signore in maniera speciale, in modo profetico. Io mi attendo da voi questa testimonianza. I religiosi devono essere uomini e donne capaci di svegliare il mondo». Il Papa, dunque, non ha chiesto ai religiosi di essere supereroi, ma testimoni: «La vita è complessa – aggiunge il Santo Padre – è fatta di grazia e di peccato. Se uno non pecca, non è uomo. Un religioso che si riconosce debole e peccatore non contraddice la testimonianza che è chiamato a dare, ma anzi la rafforza».

E per spiegare quale atteggiamento Papa Bergoglio chieda ai religiosi, ha fatto riferimento alla sua esperienza di gesuita: «Per capire – precisa – ci dobbiamo “scollocare”, vedere la realtà da più punti di vista differenti. Dobbiamo abituarci a pensare». Ricordando, quindi, una lettera del Padre Pedro Arrupe, il Papa ha osservato che il religioso deve conoscere davvero la realtà e il vissuto della gente: «Se questo non avviene – sottolinea Papa Francesco -, allora ecco che si corre il rischio di essere astratti ideologi o fondamentalisti, e questo non è sano».

Secondo il Santo Padre, la priorità della vita consacrata è la profezia del Regno, che non è negoziabile. La vera tentazione semmai è quella di giocare a fare i profeti senza esserlo. Alla domanda sulla fedeltà al carisma nei tempi che cambiano, il Pontefice ha richiamato l’importanza di essere creativi, di cercare sempre nuovi cammini perché il carisma non diventi sterile. Riguardo alle vocazioni in crescita nelle Chiese giovani e all’inculturazione dei carismi Francesco ha sostenuto: «Il carisma non è una bottiglia di acqua distillata. Bisogna viverlo con energia, rileggendolo anche culturalmente. Ma così c’è il rischio di sbagliare, direte, di commettere errori. È rischioso. Certo, certo: faremo sempre degli errori, non ci sono dubbi. Ma questo non deve frenarci». Ampio spazio nel dibattito è stato poi dedicato al tema della formazione e alle sue priorità: «Il fantasma da combattere – chiarisce il Pontefice – è l’immagine della vita religiosa come rifugio e consolazione davanti a un mondo esterno difficile e complesso».

Papa Francesco

La formazione, inoltre, deve essere orientata non solamente alla crescita personale, ma alla sua prospettiva finale: il popolo di Dio, coloro ai quali saranno inviati: «Pensiamo – ricorda il Santo Padre – a quei religiosi che hanno il cuore acido come l’aceto: non sono fatti per il popolo. Insomma: non dobbiamo formare amministratori, gestori, ma padri, fratelli, compagni di cammino. Dunque, bisogna formare il cuore. Altrimenti formiamo piccoli mostri. E poi questi piccoli mostri formano il popolo di DioQuesto mi fa venire davvero la pelle d’oca».

Il Pontefice ha, infine, spiegato cose intende per frontiere dell’evangelizzazione: restano quelle geografiche, ma ci sono anche quelle simboliche sulla base dei carismi. Come priorità ha indicato le realtà di esclusione, dove vanno inviate le persone migliori, le più dotate; la frontiera culturale e quella educativa nella scuola e nell’università, ribadendo che il compito educativo è una missione chiave, che richiede di annunciare Cristo anche affrontando situazioni familiari inedite o complesse.

About Davide De Amicis (2902 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero ed è direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website