Ultime notizie

Papa Francesco? “Uno psicologo che raggiunge tutti”

Lo sostiene la psicologa Anna Olivero Ferraris che ha tracciato un bilancio del primo anno da Papa di Jorge Mario Bergoglio

Papa Francesco

Il Papa? «Uno psicologo, che annulla le distanze con la gente per raggiungere tutti». È questo l’identikit di Papa Francesco tracciato, in questi giorni in cui si conclude il suo primo anno di Pontificato, dalla psicologa e psicoterapeuta Anna Olivero Ferraris che ha fatto un primo bilancio partendo dalla parola-chiave “tenerezza”: «Un anno fa – spiega la nota esperta – ha stupito il mondo il fatto che Papa Francesco abbia cambiato completamente stile: rispetto ai suoi predecessori, questo papa ha uno stile più pastorale, si presenta come un buon parroco che conosce bene i suoi fedeli».

Anna Olivero Ferraris, psicologa e psicoterapeuta

Il registro della tenerezza, in particolare, riduce le distanze perché va a toccare i sentimenti: «È questo –  sottolinea la Oliverio Ferraris – ciò che riduce la distanza tra il Papa e le persone. Molti rimangono impressionati dal rapporto molto intimo che Francesco riesce a instaurare con la gente, annullando quella distanza che un tempo c’era tra il Pontefice e i fedeli: penso a Pio XII, alla sua figura ieratica, che ha caratteristiche esattamente opposte a quelle di Papa Francesco. Lui ha capovolto completamente prospettiva, già da quel “buonasera” con cui si è presentato alla piazza».

Ma Papa Francesco, per l’esperta, è anche un Papa dei gesti: «Papa Francesco – aggiunge la psicologa – è un Papa che non ha paura di baciare, di accarezzare, che fa un uso sereno e consapevole del suo corpo: da un lato tutto ciò stupisce, all’altro crea una comunicazione molto diretta e una vicinanza anche fisica con le persone che incontra». E la parola tenerezza, però, può significare anche sguardo femminile, con il Santo Padre che ha auspicato proprio uno spazio maggiore per le donne nella Chiesa: «La Chiesa – commente Anna Oliverio Ferraris – ha sempre dato molto spazio alla riflessione sulla questione femminile, a cominciare dalla rilevanza assoluta della figura della Madonna. Il cambiamento vero sarebbe se finalmente la donna potesse entrare nella gerarchia ecclesiastica. Già Papa Luciani diceva che la Chiesa è uomo e donna: nelle associazioni e nei movimenti ecclesiali ci sono donne che hanno posti da leader, e nella società ormai le donne hanno dimostrato di poter svolgere tutti i ruoli. Io vedrei benissimo donne sacerdote e donne vescovo: donne che rivestano ruoli di responsabilità, anche decisionali, in ambito ecclesiale».

About Davide De Amicis (2725 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website