Ultime notizie

Siglato il patto abruzzese anti-burocrazia

Il Patto per l’efficienza, ideato da Confindustria Chieti-Pescara, è stato sottoscritto ieri tra industriali e 13 enti locali chietini e pescaresi per semplificare le procedure

La presentazione del Patto per l'efficienza

Confindustria e tredici enti locali di Chieti e Pescara hanno dichiarato guerra alla lenta e farraginosa macchina burocratica della Pubblica Amministrazione siglando, ieri presso la sede dell’Unione industriali di Pescara, il Patto per l’efficienza: «Da un sondaggio – premette Paolo Primavera, presidente di Confindustria Chieti -, abbiamo rilevato che il costo della burocrazia incide per l’8-10% sul fatturato delle piccole e medie imprese locali le quali, praticamente, sono costrette a pagare una tassa occulta oltre a quelle già previste».

Ernesto Anchini, coordinatore gruppi di lavoro Confindustria

Il progetto, ideato e promosso dalla Sezione unificata servizi innovativi di Confindustria Chieti-Pescara, che nei prossimi sei mesi impegnerà i comuni pescaresi di Penne, Spoltore, Città Sant’Angelo, Alanno, Moscufo e Pianella insieme a quelli chietini di Vasto, Fossacesia, Ortona, Gessopalena e Rocca San Giovanni, oltre alla Provincia di Chieti ed all’Associazione tra gli enti locali per l’attuazione del patto territoriale Sangro-Aventino, a semplificare l’apparato burocratico a beneficio di cittadini ed imprese: «Innanzi tutto – illustra Ernesto Anchini, coordinatore del gruppo di progetto di Confindustria – l’esecuzione del patto dovrà garantire alle imprese la presenza di un unico interlocutore all’interno dell’ente locale, munito di telefono, e-mail e fax, dal quale ricevere rapidamente indicazioni e risposte. Inoltre, l’imprenditore dovrà poter disporre della lista di documenti precisa, in base alla quale richiedere certificazioni e autorizzazioni. Infine, gli enti si impegneranno a rendere la modulistica compilabile online e ad utilizzare efficacemente la posta elettronica certificata».

Luigi Di Giosaffatte, direttore generale Confindustria Pescara

Alla scadenza del Patto per l’efficienza, verranno poi tirate le somme del progetto che potrà essere esteso ad altri enti locali: «Lavoriamo su dei modelli replicabili – conferma Luigi Di Giosaffatte, direttore generale di Confindustria Pescara – e su questa base metteremo in campo della formazione gratuita, rivolta a tutte le amministrazioni locali che vorranno indicare un referente per il progetto. Dovremmo abbattere il 25% del costo della burocrazia, che ammonta a 31 miliardi di euro. Se lo facessimo in tre anni, recupereremmo l’1,7% del Pil: oltre 15 miliardi di euro».

About Davide De Amicis (2559 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website