Ultime notizie

Una vetrofania per dire “solidarietà”

Una trentina di produttori “esporranno” nelle proprie aziende la goccia dell’azienda solidale

La solidarietà sarà protagonista al mercato coperto di Pescara, giovedì 8 maggio. Alle 11, in via Paolucci, infatti, nell’ambito della task force promossa dalla Caritas diocesana di Pescara-Penne e siglata anche dalla Coldiretti, monsignor Tommaso Valentientti, arcivescovo di Pescara-Penne, consegnerà delle targhe di ringraziamento alle aziende che hanno collaborato nella ricerca di beni alimentari da destinare ai più bisognosi attraverso l’organismo pastorale della diocesi. «Si tratta di una trentina di produttori – spiega in un comunicato la Coldiretti Abruzzo – e una dozzina di frantoi della provincia di Pescara che hanno donato, durante i periodi di raccolta e lavorazione, prodotti agricoli – con particolare riferimento ad olio extravergine – alla mensa della Caritas e alle famiglie pescaresi che vivono in particolare difficoltà economica». 

Per l’occasione, inoltre, sarà consegnata una vetrofania che gli stessi produttori potranno esibire nelle proprie aziende. “Una mano in una goccia” per ribadire la mission sociale, per dire la volontà a destinare i prodotti in esubero ai meno fortunati e per allargare – si spera – il raggio di azione della solidarietà.

 

About Simone Chiappetta (424 Articles)
Direttore responsabile del notiziario online "Laporzione.it" e responsabile dell'Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Pescara-Penne. Laureato in Scienze della Comunicazione sociale e specializzato in Giornalismo ed Editoria continua la ricerca nell'ambito delle comunicazioni sociali. Ha collaborato con quotidiani di cronaca locale e ha coordinato negli ultimi anni la pagina diocesana di Avvenire.
Contact: Website

1 Comment on Una vetrofania per dire “solidarietà”

  1. Liliana Savini PENNE // 7 maggio 2014 a 21:53 //

    olio di oliva extravergine: condimento genuino e salutare per i pasti dei nostri fratelli meno fortunati. Che bontà !

    Un mio ricordo: mi raccontava mia suocera che sua mamma, al ritorno da un pranzo di nozze composto da tante portate di piatti prelibati, lei gradiva una fetta di pane unta all’olio per “riaggiustarsi” la bocca !!!

I commenti sono bloccati.