Ultime notizie

“Quanto bisogno ha il mondo di testimoni di pace”

Lo ha affermato Papa Francesco sabato, nel suo primo giorno di visita in Terra Santa presiedendo la Santa Messa nello stadio di Amman

«Quanto bisogno ha il mondo di persone che siano testimoni di pace. È una necessità che anche il nostro mondo ci chiede: portare la pace, testimoniare la pace». È stata un’omelia incentrata sul tema della pace, quella pronunciata sabato da Papa Francesco durante la Messa celebrata ad Amman, in uno stadio che ha contenuto circa 30 mila persone, nel suo primo giorno di visita in Terra Santa.

La Messa, nel corso della quale 1.400 bambini hanno ricevuto la Prima Comunione, si è svolta non lontano dal luogo in cui lo Spirito Santo discese su Gesù di Nazareth, dopo che Giovanni lo ebbe battezzato nel fiume Giordano: «Tra le azioni dello Spirito Santo – ricorda il Pontefice – c’è quella di generare armonia e di operare la pace nei differenti contesti e tra soggetti diversi».

È a questo punto che Papa Francesco ha lanciato un messaggio ai fedeli cristiani presenti nello stadio: «La diversità di persone e di pensiero – sottolinea il Santo Padre – non deve provocare rifiuto e ostacoli, perché la varietà è sempre arricchimento. Pertanto, oggi, invochiamo con cuore ardente lo Spirito Santo, chiedendogli di preparare la strada della pace e dell’unità».

Il Papa ha quindi chiesto di porre gesti di umiltà, di fratellanza, di perdono, di riconciliazione. Questi gesti sono premessa e condizione per una pace vera, solida e duratura: «La pace – aggiunge Papa Bergoglio – non si può comperare: essa è un dono da ricercare pazientemente e costruire “artigianalmente” mediante piccoli e grandi gesti che coinvolgono la nostra vita quotidiana. Il cammino della pace, si consolida se riconosciamo che tutti abbiamo lo stesso sangue e facciamo parte del genere umano; se non dimentichiamo di avere un unico Padre celeste e di essere tutti suoi figli, fatti a sua immagine e somiglianza».

Il Papa ha, infine, concluso salutando tutti i presenti e in modo particolare i rifugiati cristiani provenienti dai Paesi in guerra: «Abbraccio tutti voi – saluta Papa Francesco -: il Patriarca, i fratelli vescovi, i sacerdoti, le persone consacrate, i fedeli laici, i tanti bambini che oggi ricevono la Prima Comunione e i loro familiari. Il mio cuore si rivolge anche ai numerosi rifugiati cristiani provenienti dalla Palestina, dalla Siria e dall’Iraq: portate alle vostre famiglie e comunità il mio saluto e la mia vicinanza».

About Davide De Amicis (2421 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website