Ultime notizie

Boom di richieste per essere volontari fra gli ultimi

Sonno gli esiti del bando pubblicato dalla Cei per il progetto “In un altro mondo”, che selezionerà 4 persone che trascorreranno l’estate da volontari in India, Kenya, Mozambico e Filippine

Oltre 4.500 iscrizioni e 280 candidature complete per 4 posti disponibili. È stata questa la risposta che ha sorpreso anche i più ottimisti, giunta tra il 30 aprile e il 1° giugno al Servizio nazionale per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica, per partecipare al progetto “In un altro mondo”, contest per avvicinare i giovani al mondo della Chiesa in generale e al mondo delle missioni e dell’aiuto al prossimo in particolare: «Eppure – osserva incredulo Matteo Calabresi, direttore del Servizio Cei che promuove il progetto – l’invito non era ad entrare nella casa del Grande Fratello, o a partecipare a qualche talent show. Il bando chiedeva semplicemente quattro giovani volontari tra i 22 e i 30 anni, ciascuno dei quali s’immergerà in una realtà completamente nuova, si sporcherà le mani offrendo il proprio aiuto, vivrà un’esperienza unica. E poi la racconterà attraverso articoli, video e immagini pubblicate sul suo profilo del progetto inunaltromondo.it».

Matteo Calabresi

Le quattro realtà verso le quali i vincitori partiranno tra la fine di luglio e i primi di settembre sono l’India, il Kenya, il Mozambico, le Filippine. Si tratta di contesti poveri, viene spiegato sul sito dell’iniziativa www.inunaltromondo.it, dove si starà fianco a fianco con i missionari, lavorando con loro, per toccare con mano che fine fanno i soldi dell’8Xmille e raccontarlo a chi è rimasto a casa.

Nei prossimi giorni una prima selezione, effettuata sulla base dei video di autopresentazione prodotti e delle motivazioni espresse, porterà 20 dei candidati a frequentare uno stage formativo presso Caritas Italiana, dal quale usciranno i nomi dei quattro selezionati per partire: «Per rendersi conto della pasta di cui son fatti i candidati e della serietà delle loro motivazioni – conclude Calabresi – basta andare su Youtube e scrivere nel motore di ricerca “In un altro mondo”: i video caricati sono moltissimi e tutti molto belli. Provare per credere. Altro che giovani italiani “choosy” ed altre simili generalizzazioni».

 

About Davide De Amicis (2487 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website