Ultime notizie

Papa Francesco alla Sacra Rota: “Snellire le procedure”

"C’è tanta gente che ha bisogno di una parola della Chiesa sulla sua situazione matrimoniale, per il sì e per il no, ma che sia giusta. Alcune procedure sono tanto lunghe o tanto pesanti che non favoriscono, e la gente lascia"

Lo ha affermato mercoledì, pronunciando il discorso rivolto ai partecipanti al Corso di prassi canonica “super rato”, promosso dal Tribunale della Rota Romana

Papa Francesco

«Nel Sinodo straordinario si è parlato delle procedure, dei processi, e c’è una preoccupazione per snellire le procedure, per un motivo di giustizia». Lo ha detto mercoledì Papa Francesco, nel discorso rivolto ai partecipanti al Corso di prassi canonica “super rato”, promosso dal Tribunale della Rota Romana: «Giustizia – spiega il Papa -, perché siano giuste, e giustizia per la gente che aspetta.

Giustizia: quanta gente aspetta per anni una sentenza – esclama il Santo Padre – e, per questo, già prima del Sinodo ho costituito una Commissione che aiutasse per preparare possibilità diverse in questa linea: una linea di giustizia, e anche di carità, perché c’è tanta gente che ha bisogno di una parola della Chiesa sulla sua situazione matrimoniale, per il sì e per il no, ma che sia giusta. Alcune procedure sono tanto lunghe o tanto pesanti che non favoriscono, e la gente lascia».

Le fedi tra le dita di due sposi, uniti in matrimonio

Le fedi tra le dita di due sposi, uniti in matrimonio

A tal proposito, il Pontefice ha riportato anche un esempio: «Il Tribunale interdiocesano di Buenos Aires – ricorda Papa Bergoglio -, non ricordo ma credo che, in prima istanza, abbia 15 diocesi; credo che la più lontana sia a 240 km… Non si può, è impossibile immaginare che persone semplici, comuni vadano al Tribunale: devono fare un viaggio, devono perdere giorni di lavoro, anche il premio… tante cose… Dicono: “Dio mi capisce, e vado avanti così con questo peso nell’anima”».

In queste situazioni, secondo il Papa, la madre Chiesa deve fare giustizia e dire: “, è vero, il tuo matrimonio è nullo – No, il tuo matrimonio è valido”: «Ma giustizia è dirlo – ribadisce Papa Francesco -. Così loro possono andare avanti senza questo dubbio, questo buio nell’anima».

Di qui la necessità di trovare suggerimenti di snellimento delle procedure, compito della nuova Commissione istituita da Papa Francesco: «Avanti sempre – il suo augurio -: è la madre Chiesa che va e cercare i suoi figli per fare giustizia. Ma bisogna essere anche molto attenti che le procedure non siano entro la cornice degli affari: e non parlo di cose strane.

Ci sono stati anche scandali pubblici». Quindi un altro esempio personale: «Io – racconta il Papa – ho dovuto congedare dal Tribunale una persona, tempo fa, che diceva: “10.000 dollari e ti faccio i due procedimenti, il civile e l’ecclesiastico”. Per favore, questo no! – ammonisce Francesco -. Sempre nel Sinodo alcune proposte hanno parlato di gratuità, si deve vedere… Ma quando sono attaccati l’interesse spirituale all’economico, questo non è di Dio! La madre Chiesa ha tanta generosità per poter fare giustizia gratuitamente, come gratuitamente siamo stati giustificati da Gesù Cristo. Questo punto è importante: staccate, le due cose».

About Davide De Amicis (2465 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website