Ultime notizie

“Un minore su due guarda porno, uno su due beve alcol abitualmente”

"È richiesto - sottolinea Maria Rita Munizzi, presidente del Moige un grande impegno educativo da parte dei genitori, ma anche maggiore responsabilità da parte di istituzioni, fornitori e società civile"

E’ questo l’allarme lanciato dal Movimento Genitori (Moige) attraverso l’indagine “I divieti trasgrediti dai nostri figli”, promossa in collaborazione con l‘Università di Roma “La Sapienza”

«Un minore su due guarda immagini porno, uno su due afferma di bere alcolici “abitualmente”, mentre oltre la metà fuma fino a cinque sigarette al giorno, quattro su dieci utilizzano videogiochi non adatti ai minori e, infine, negli ultimi 12 mesi uno su quattro ha giocato d’azzardo». È questa la fotografia scattata dall’indagine “I divieti trasgrediti dai nostri figli”, promossa dal Movimento genitori (Moige) con l‘Università di Roma “La Sapienza” e presentata martedì al Senato.

Anna Maria Giannini, docente

Anna Maria Giannini, docente di Psicologia dell’Università La Sapienza

La ricerca, curata da Anna Maria Giannini (docente della Facoltà di psicologia dell‘Ateneo), ha analizzato i principali comportamenti a rischio tra i minori, definiti “ragazzi con troppe cattive abitudini”, a fronte dei quali gli adulti si rivelano “complici e permissivi”: «Il consumo di bevande alcoliche – si legge nell’indagine – è un fenomeno largamente diffuso tra i giovani – si legge nell’indagine -. Due su tre dichiarano di aver bevuto almeno una volta. La percentuale arriva all‘86,5% tra gli studenti di scuola superiore e, tra questi, 1 su 2 afferma di bere abitualmente o perlomeno in diverse occasioni».

Viene poi definita disarmante la percentuale del 65,6% dei casi, in cui il venditore non ha verificato la maggiore età dell‘acquirente. Preoccupa, quindi, il fatto che il 39,1% dei genitori di ragazzi di scuola superiore non abbia posto alcun veto sul consumo di bevande alcoliche. Secondo la ricerca, tra l’altro, il 40% degli under 18 dichiara di aver provato almeno una sigaretta, il 17,3% degli studenti di scuola superiore di averne fumate almeno un pacchetto al giorno, mentre il 53,2% di studenti di scuola media dichiara di fumarne quotidianamente fino a 5: uno su due all’insaputa dei propri genitori.

La visione di immagini o video porno, che nei ragazzi tra gli 11 e i 13 anni si attesta al 32%, è quasi raddoppiata presso gli studenti di scuola superiore (58,8%), prevalentemente maschi, i quali ne fruiscono da soli o con amici della stessa età, soprattutto attraverso tablet e telefonino. E come se non bastasse, negli ultimi 12 mesi, tra gli studenti di scuola superiore 1 su 4 ha giocato d’azzardo almeno una volta, mentre tra i più giovani la percentuale scende al 10,3%.

Maria Rita Munizzi, presidente Moige

Maria Rita Munizzi, presidente Moige

Problematiche, queste ultime, che vanno affrontate con interventi mirati: «È richiesto – sottolinea Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige – un grande impegno educativo da parte dei genitori, ma anche maggiore responsabilità da parte di istituzioni, fornitori e società civile. Nei settori dove esiste una legge, è necessaria la collaborazione di venditori e provider».

Ma devono essere soprattutto i genitori ad agire con decisione, quando occorre, per ottenere risultati tangibili sui proprio figli: «Il “vietato vietare” – avverte il presidente del Moige – è smentito dai dati che evidenziano come nelle famiglie fondate su regole chiare e decisi “no”, i figli siano meno portati a comportamenti a rischio. Noi genitori abbiamo bisogno del contributo di tutti e non possiamo essere lasciati soli in questa importante sfida educativa».

About Davide De Amicis (3197 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website