Ultime notizie

“Senza la Chiesa Gesù Cristo finisce per ridursi a un’idea”

"Senza la Chiesa - spiega il Papa - il nostro rapporto con Cristo sarebbe in balia della nostra immaginazione, delle nostre interpretazioni, dei nostri umori"

Lo ha affermato giovedì Papa Francesco, pronunciando l’omelia all’interno della Santa Messa in occasione della solennità di Maria Santissima madre di Dio

Papa Francesco

«Senza la Chiesa, Gesù Cristo finisce per ridursi a un’idea, a una morale, a un sentimento. Senza la Chiesa, il nostro rapporto con Cristo sarebbe in balia della nostra immaginazione, delle nostre interpretazioni, dei nostri umori».

Lo ha affermato ieri mattina Papa Francesco nella Messa, celebrata nella basilica vaticana, nella solennità di Maria Santissima Madre di Dio: «È proprio la Chiesa – spiega il Papa -, la grande famiglia di Dio, che ci porta Cristo. La nostra fede non è una dottrina astratta o una filosofia, ma è la relazione vitale e piena con una persona. Gesù Cristo, il Figlio unigenito di Dio fattosi uomo, morto e risorto per salvarci e vivo in mezzo a noi».

E dove lo possiamo incontrare?: «Lo incontriamo nella Chiesa – sottolinea il Pontefice -, nella nostra Santa Madre Chiesa gerarchica. È la Chiesa che dice oggi: “Ecco l’agnello di Dio”; è la Chiesa che lo annuncia; è nella Chiesa che Gesù continua a compiere i suoi gesti di grazia che sono i Sacramenti».

E proprio questa azione e missione della Chiesa, a detta del Santo Padre, esprime la sua maternità. Infatti essa è come una madre che custodisce Gesù con tenerezza e lo dona a tutti con gioia e generosità. Nessuna manifestazione di Cristo, neanche la più mistica, può mai essere staccata dalla carne e dal sangue della Chiesa, dalla concretezza storica del Corpo di Cristo».

Del resto, Gesù Cristo è la benedizione per ogni uomo e per l’intera umanità: «La Chiesa – sottolinea Papa Bergoglio -, donandoci Gesù, ci offre la pienezza della benedizione del Signore. Proprio questa è la missione del popolo di Dio: irradiare su tutti popoli la benedizione di Dio incarnata in Gesù Cristo. E Maria, la prima e perfetta discepola di Gesù, la prima e perfetta credente, modello della Chiesa in cammino, è Colei che apre questa strada di maternità della Chiesa e ne sostiene sempre la missione materna rivolta a tutti gli uomini».

La sua testimonianza discreta e materna cammina con la Chiesa fin dalle origini: «Ella – osserva Papa Francesco -, Madre di Dio, è anche Madre della Chiesa e, per mezzo della Chiesa, è Madre di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Che questa Madre dolce e premurosa, ci ottenga la benedizione del Signore per l’intera famiglia umana».

About Davide De Amicis (2488 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website

4 Comments on “Senza la Chiesa Gesù Cristo finisce per ridursi a un’idea”

  1. …certo definire la chiesa “come una madre che custodisce Gesù con tenerezza” ….
    Per quel che ricordo..non è Gesù che ha dato origine alla chiesa…..? Non è lui che ha promesso di essere con lei “tutti i giorni” ed ha autorità su di essa ? (Matt 28:18-20)
    Paolo non dice è il “capo”o “testa” della chiesa ? (Ef 5:23)….Stando alle Scritture è Gesù che la guida, la custodisce e ne ha tenera cura……

    • Giovanni Antonio Nigro // 7 gennaio 2015 a 16:41 //

      In verità talune affermazioni del Vescovo di Roma mi lasciano perplesso e danno luogo a equivoci. Questo è uno di quei casi. Cristo è capo della Chiesa (Col 1, 18; Ef 1, 22-23), che propriamente vuol dire “assemblea” (ekklesìa) di fedeli, i quali formano il Corpo Mistico (vedi anche Mt 18, 20) e celebrano insieme la Divina Liturgia facendo memoria di atti e parole del Salvatore. Egli si rende presente nei sacramenti insieme al Padre e allo Spirito Santo. I Padri hanno sempre visto nella Chiesa la Sposa di Cristo, non la madre di Gesù.

    • Giovanni Antonio Nigro // 7 gennaio 2015 a 16:45 //

      Tutt’al più posso accogliere la definizione di Chiesa come “mater et magistra” (madre e maestra) rispetto al singolo fedele o congregazione, non in rapporto a Gesù Cristo, Logos e Figlio di Dio, di cui essa semmai custodisce l’annunzio (kerygma) di salvezza rivolto a tutte le genti.

  2. Giovanni Antonio Nigro // 5 gennaio 2015 a 18:37 //

    Purché la gerarchia si faccia portatrice senza tradimenti né cedimenti al mondo di quella che è la Tradizione e il Magistero dei Padri, dei Concilii e dei Pontefici precedenti, senza rinnegare il tutto come obsoleto… La prima fonte normativa per il cristiano resta il Vangelo di Cristo, davanti al quale anche il Papa si deve inchinare come custode del depositum fidei trasmesso di generazione in generazione.

I commenti sono bloccati.