Ultime notizie

“Le persone scartate sono il motivo principale della povertà”

"Occorre - ricorda il Papa - proteggere le famiglie che affrontano diverse minacce, affinché possano testimoniare la bellezza della famiglia nel progetto di Dio e occorre anche difenderle dalle nuove colonizzazioni ideologiche, che attentano alla sua identità e alla sua missione"

Lo ha affermato ieri Papa Francesco pronunciando la catechesi nell’udienza generale del mercoledì, durante la quale ha ripercorso il viaggio apostolico in Sri Lanka e nelle Filippine

Papa Francesco presiede l'udienza generale nell'Aula Paolo VI

«Le persone scartate: questo è il motivo principale della povertà, non le famiglie numerose». Lo ha chiarito ieri Papa Francesco nel corso dell’udienza generale del mercoledì presieduta nell’Aula Paola VI, davanti a 7 mila fedeli, durante la quale ha ripercorso il viaggio nelle Filippine riconoscendo che gli incontri con le famiglie e con i giovani, a Manila, sono stati momenti salienti della visita: «Le famiglie sane – sottolinea il Papa – sono essenziali alla vita della società. Dà consolazione e speranza vedere tante famiglie numerose che accolgono i figli come un vero dono di Dio. Ho sentito dire che le famiglie con molti figli, e la nascita di tanti bambini, sono tra le cause della povertà».

Papa Francesco entra nell'Aula Paolo VI e saluta i fedeli

Papa Francesco entra nell’Aula Paolo VI e saluta i fedeli

Un’opinione, quest’ultima, ritenuta semplicistica dal Santo Padre: «Posso dire – ribadisce il Pontefice – che la causa principale della povertà è un sistema economico che ha tolto la persona dal centro e vi ha posto il dio denaro, un sistema economico che esclude e che crea la cultura dello scarto che viviamo».

Occorre, dunque, proteggere le famiglie che affrontano diverse minacce, affinché possano testimoniare la bellezza della famiglia nel progetto di Dio: «Occorre anche difenderle – ricorda – dalle nuove colonizzazioni ideologiche, che attentano alla sua identità e alla sua missione».

E la cura dei poveri, secondo Papa Bergoglio, è un elemento essenziale della nostra vita e testimonianza cristiana: «Comporta – ammonisce Papa Francesco – il rifiuto di ogni forma di corruzione, che ruba ai poveri e richiede una cultura di onestà».

Così il Papa nella parte finale della catechesi, quando ha rivelato che è stata una gioia stare con i giovani delle Filippine per ascoltare le loro speranze e le loro preoccupazioni: «Ho voluto offrire ad essi – conclude il Santo Padre – il mio incoraggiamento per i loro sforzi nel contribuire al rinnovamento della società, specialmente attraverso il servizio ai poveri e la tutela dell’ambiente naturale, e ringrazio il Signore per questa visita pastorale in Sri Lanka e nelle Filippine. Gli chiedo di benedire sempre questi due Paesi e di confermare la fedeltà dei cristiani al messaggio evangelico della nostra redenzione, riconciliazione e comunione in Cristo».

About Davide De Amicis (2902 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero ed è direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website