Ultime notizie

Pax Christi: “Armi nucleari da bandire, indigna che neanche se ne parli”

"Nessuno di noi - osserva monsignor Ricchiuti - è così ingenuo da pensare che si chiude oggi con la produzione delle armi e da domani inizia un’altra produzione, ci vuole tempo, ma ciò che indigna di più è che non si apre nemmeno la prospettiva di una discussione e riflessione sul tema"

Lo ha affermato nei giorni scorsi monsignor Giovanni Ricchiuti, presidente di Pax Christi Italia, in occasione della Giornata internazionale contro i test nucleari istituita dall’Onu

Un'arma nucleare in Iran

«La coscienza dei cattolici e di chiunque operi da cattolico nel mondo e nella storia non può venire a compromessi sul tema dei test e delle armi nucleari che, “sic et simpliciter”, vanno bandite».

Lo ha affermato nei giorni scorsi all’agenzia di stampa Sir monsignor Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e presidente di Pax Christi Italia, in occasione della Giornata internazionale contro i test nucleari, istituita dall’Onu nel 2009: «In sintonia con la parola autorevolissima di Papa Francesco – spiega il presule -, secondo il quale la strada della produzione delle armi nucleari va abbandonata, soprattutto nel corso del 2017, Pax Christi è intervenuta più volte per chiedere che si abbandoni la strada degli armamenti nucleari, che porta alla distruzione di questo nostro mondo».

Mons. Giovanni Ricchiuti, presidente di Pax Christi Italia

Il presidente di Pax Christi ha poi ricordato che l’Italia non ha sottoscritto il trattato firmato lo scorso 7 luglio all’Onu per la messa al bando delle armi nucleari: «Alla domanda sul perché il nostro Paese non abbia firmato – ricorda monsignor Giovanni Ricchiuti -, il Governo risponde che riguardo alle armi e a quelle nucleari, il loro commercio, la loro vendita – in modo particolare dell’Italia all’Arabia Saudita così come per l’acquisto degli F-35 -, ci sono accordi scritti con gli Stati Uniti e i Paesi della Nato a cui non possiamo venire meno. Esprimo il mio personale dispiacere, unito a quello di molti altri, rispetto all’assenza dell’Italia su questo impegno a non produrre più armi nucleari».

Resta unicamente, ancora una volta, la voce del Papa e del popolo della pace ad esprimere contrarietà alle armi nucleari: «Perché – osserva – non è possibile continuare su questa strada. C’è una sordità ad ascoltare l’appello dell’umanità, che chiede ai nostri governanti di smettere con il commercio delle armi».

Anche quanto successo rispetto ad una possibile riconversione della Rwm di Domusnovas, in Sardegna, fabbrica impegnata nella produzione delle armi, non viene considerato un bel segnale: «Nessuno di noi – conclude il vescovo – è così ingenuo da pensare che si chiude oggi con la produzione delle armi e da domani inizia un’altra produzione, ci vuole tempo, ma ciò che indigna di più è che non si apre nemmeno la prospettiva di una discussione e riflessione sul tema».

About Davide De Amicis (2466 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website