Ultime notizie

On the road: “Anche a Pescara l’accattonaggio diventa sfruttamento”

"Oggi - premette Fabio Sorgoni, responsabile Area Tratta di On the road - lo sfruttamento lavorativo e quello dell’accattonaggio sono due facce della stessa medaglia. La vendita di oggetti in strada come fazzoletti, fiori, ombrelli o le esibizioni artistiche sono spesso organizzate da sfruttatori che assegnano posti da presidiare e la merce da vendere. Abbiamo visto caporali accompagnare i mendicanti nei luoghi preposti e andare a riprenderli

La nota onlus, insieme alla Caritas diocesana, ha rilevato il fenomeno attraverso un’unità di strada che ha girato la città adriatica

Fabio Sorgoni, responsabile Area Tratta di On the road

È per lo più un gruppo di rumeni di etnia rom a gestire lo sfruttamento lavorativo di persone nell’accattonaggio a Pescara. Il dato è emerso ieri nel secondo e ultimo giorno del convegno nazionale “Le mani sporche. Lo sfruttamento dei migranti nel lavoro e nell’accattonaggio forzato”, promosso e organizzato dall’associazione On the road all’Aurum, che ha approfondito una tipologia di tratta ancora poco conosciuta e difficile da rilevare tanto in Italia, quanto nella città adriatica: «Oggi – premette Fabio Sorgoni, responsabile Area Tratta di On the road – lo sfruttamento lavorativo e quello dell’accattonaggio sono due facce della stessa medaglia. La vendita di oggetti in strada come fazzoletti, fiori, ombrelli o le esibizioni artistiche, è spesso organizzata da sfruttatori che assegnano posti da presidiare e la merce da vendere. Abbiamo visto caporali accompagnare i mendicanti nei luoghi preposti e andare a riprenderli».

I relatori durante la tavola rotonda sulla tratta

A Pescara il fenomeno è monitorato dagli operatori del Centro polifunzionale Train de vie dell’associazione On the road che, attraverso lo sportello di ascolto, il servizio docce, l’ambulatorio medico, i laboratori creativi e il servizio di consulenza legale, riesce a captare i segnali di disagio dei circa 80-100 utenti che lo frequentano ogni giorno. Una svolta ulteriore è stata poi impressa dal progetto Servizi di prossimità, condotto in collaborazione con la Fondazione Caritas dell’arcidiocesi di Pescara-Penne dal settembre 2016 all’aprile 2017, con l’unità di strada congiunta che ha individuato 250 persone in marginalità estrema, di cui il 40% rumeni di etnia rom dediti proprio all’elemosina.

Luana Lamelza, operatrice di On the road

I rumeni del nord, ad esempio, praticano l’accattonaggio come suonatori. Si posizionano nelle vie del centro città, nascondendosi dietro le centraline elettriche per essere visibili dai passanti, ma non dai negozianti che altrimenti li caccerebbero: «Abbiamo rilevato – racconta Luana Lamelza, operatrice di On the road – tre casi di sfruttamento nell’accattonaggio che, a volte, si sovrappone alla prostituzione. Abbiamo visto donne che, oltre a prostituirsi, chiedevano l’elemosina».

Vincenzo Castelli, presidente On the Road

E l’accattonaggio richiede di rivedere le strategie di intervento: «Servono – osserva Vincenzo Castelli, presidente di On the road – forme di accoglienza semiresidenziale e residenziale leggera, con appartamenti di 2-3 persone, per accogliere queste persone inclini all’autonomia. Infine, cercheremo di salvare le persone dallo sfruttamento avviandoli a imprese di strada, come quelle da ambulanti».

Tra l’altro da domani partirà il progetto Asimmetrie 2, che vedrà On the road e Caritas diocesana di Pescara-Penne ancora partner: «In particolare la Caritas – conclude Sorgoni – rafforzerà il nostro servizio sul territorio, ampliando l’unità di strada e aprendo due centri di accoglienza per vittime di tratta».

About Davide De Amicis (2509 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website

Rispondi