Ultime notizie

Istituita la memoria della Beata Vergine Maria Madre della Chiesa

"Che questa celebrazione – commenta il cardinale Robert Sarah – è che questa celebrazione, estesa a tutta la Chiesa, ricordi a tutti i discepoli di Cristo che, se vogliamo crescere e riempirci dell’amore di Dio, bisogna radicare la nostra vita su tre realtà: la Croce, l’Ostia e la Vergine – Crux, Hostia et Virgo. Questi sono i tre misteri che Dio ha donato al mondo per strutturare, fecondare, santificare la nostra vita interiore e per condurci verso Gesù Cristo"

Lo ha reso noto oggi la Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, sulla base del decreto varato l’11 febbraio scorso

Papa Francesco prega davanti l'icona della Beata Vergine Maria, in occasione dello scorso Giubileo mariano

In attuazione della decisione di Papa Francesco, con decreto del giorno 11 febbraio 2018, 160° anniversario della prima apparizione della Vergine a Lourdes, la Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, ha disposto l’iscrizione della memoria della Beata Vergine Maria Madre della Chiesa nel calendario romano generale.

Una memoria che sarà obbligatoria per tutta la Chiesa di rito romano e che verrà celebrata ogni anno nel lunedì dopo Pentecoste. Come si legge nel decreto della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti approvato l’11 febbraio scorso e diffuso oggi: «Francesco ha stabilito la nuova memoria, considerando attentamente quanto la promozione di questa devozione possa favorire la crescita del senso materno della Chiesa nei Pastori, nei religiosi e nei fedeli, come anche della genuina pietà mariana. È evidente il nesso tra la vitalità della Chiesa della Pentecoste e la sollecitudine materna di Maria nei suoi confronti».

Card. Robert Sarah, Prefetto Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti

Da qui l’auspicio del Prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti: «Che questa celebrazione – commenta il cardinale Robert Sarah –, estesa a tutta la Chiesa, ricordi a tutti i discepoli di Cristo che, se vogliamo crescere e riempirci dell’amore di Dio, bisogna radicare la nostra vita su tre realtà: la Croce, l’Ostia e la Vergine – Crux, Hostia et Virgo. Questi sono i tre misteri che Dio ha donato al mondo per strutturare, fecondare, santificare la nostra vita interiore e per condurci verso Gesù Cristo. Sono tre misteri da contemplare in silenzio».

About Davide De Amicis (2705 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website