Ultime notizie

Nuova vita per gli oggetti grazie al progetto 3R

La rigenerazione di materiali destinati alla discarica faranno la felicità di persone in situazioni di bisogno

“3R: Rigenerare, Riutilizzare, Ridurre” sono le tre erre, parole chiave, del nuovo progetto della Caritas diocesana Pescara-Penne, attivato in questi giorni, che si pone l’obiettivo di rigenerare parte dei prodotti ricevuti in dono nell’ambito delle attività di sensibilizzazione, destinandoli a persone in difficoltà economiche.

Rigenerare per dare nuova vita a materiali destinati alla discarica in un laboratorio; riutilizzare per creare un “circolo virtuoso” che mira a diminuire i consumi; ridurre, perché oltre ad un’attività concreta di riciclo utile per la salvaguardia del Creato, si vuole educare la comunità a non gettare ciò che si ritiene inutile e “rivitalizzarlo” a scopi sociali, considerando centrale e prioritaria la dignità di ogni persona.

«Abbiamo pensato di attrezzare un luogo – spiega Monica D’Allevo, che coordina il progetto – per la raccolta, il recupero, la rigenerazione e organizzare la ridistribuzione gratuita di mobili, elettrodomestici, suppellettili e degli altri oggetti che riceviamo in donazione. Inoltre in un laboratorio adiacente, dotato di attrezzature idonee alla lavorazione di legno, ferro e stoffa, verrà data nuova vita a materiali destinati alla discarica e che invece faranno la felicità di persone in situazioni di bisogno».

L’attività di laboratorio prevede il coinvolgimento di due persone, che hanno perso il lavoro a causa della crisi economica e che, attraverso tirocini formativi, avranno l’occasione di acquisire competenze professionali nell’ambito del riuso.

«Questo progetto – conclude D’Allevo – racconta l’attenzione educativa e pedagogica alla base dell’azione Caritas coniugandola pienamente con il servizio alle persone in stato di disagio».

About Giannicola D'Angelo (3 Articles)
Laureato in Sociologia presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti, si occupa di comunicazione, studi sociali e Osservatorio povertà e risorse della diocesi Pescara-Penne.

Rispondi