Ultime notizie

Fondi per le periferie: anche la Caritas diocesana aderisce all’appello per evitarne il blocco

«La Caritas diocesana ha l’obiettivo di intensificare sempre più la propria azione nel territorio per far fronte alle continue sfide che povertà e disagio sociale ci pongono davanti – commenta Don Marco Pagniello, direttore della Caritas Pescara-Penne - la decisione dell’annullamento da parte di governo e parlamento nel decreto milleproroghe, che si appresta ed essere ufficializzato alla Camera, è un duro colpo per chi lavora al fianco dei più deboli e nelle periferie»

Per sostenere l’appello di Caritas diocesana ed associazioni per fermare il blocco dei fondi destinati alle periferie, è possibile firmare la petizione online sul sito change.org e far sentire la propria voce sui social condividendo gli hashtag #ipattisirispettano e #iostoconleperiferie.

Rischiano di non vedere la luce i progetti della Caritas diocesana Pescara-Penne per la realizzazione della Casa dell’Inclusione e la Lavanderia sociale, a causa del blocco dei fondi per le periferie inserito nel decreto milleproroghe deciso dal Governo e votato dal Parlamento.

Il blocco dei fondi interesserà 96 comuni tra cui Pescara che sarebbe stata beneficiaria di 18 milioni di euro per la riqualificazione di diverse zone periferiche della Città. Tra gli interventi, appunto, la realizzazione della Casa dell’inclusione, uno spazio per sostenere, accompagnare e progettare opportunità insieme a persone e famiglie che vivono situazioni di fragilità socio-economica e la lavanderia sociale, un luogo ed un servizio per persone senza fissa dimora in cui avrebbero potuto portare il loro bucato in tutta dignità salvaguardando così il proprio livello igienico. I due servizi dovrebbero sorgere nell’area di Via Gran Sasso, una zona in attesa di riqualificazione urbana e sociale ormai da troppo tempo.

«La Caritas diocesana ha l’obiettivo di intensificare sempre più la propria azione nel territorio per far fronte alle continue sfide che povertà e disagio sociale ci pongono davanti – commenta Don Marco Pagniello, direttore della Caritas Pescara-Penne – la decisione dell’annullamento da parte di governo e parlamento nel decreto milleproroghe, che si appresta ed essere ufficializzato alla Camera, è un duro colpo per chi lavora al fianco dei più deboli e nelle periferie»

La Caritas diocesana, insieme ad altre associazioni del territorio, lancia un appello al Governo affinché torni sui suoi passi non bloccando definitivamente fondi già stanziati attraverso un regolare bando e con cui Comuni e associazioni avevano già progettato interventi per le periferie e la fascia di popolazione più fragile «Per chi voglia sostenere il nostro appello – conclude Don Marco – è possibile firmare la petizione online sul sito change.org  e far sentire la propria voce sui social condividendo gli hashtag #ipattisirispettano e #iostoconleperiferie».

About Giannicola D'Angelo (24 Articles)
Laureato in Sociologia presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti, si occupa di comunicazione, studi sociali e Osservatorio povertà e risorse della diocesi Pescara-Penne.