Ultime notizie

Angeli custodi: aperta ieri la porta santa del giubileo parrocchiale

"La Penitenzieria apostolica – scrive il porporato – concede volentieri dai tesori celesti della Chiesa l’indulgenza plenaria alle consuete condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice) alla parrocchia e a tutti i fedeli realmente pentiti e sospinti dalla carità, che potranno applicarla anche alle anime del Purgatorio, a condizione che essi si rechino in pellegrinaggio e partecipino devotamente ai riti giubilari. O quantomeno, che si predispongano in preghiera per un congruo lasso di tempo, concludendo con la recita del Padre nostro, del Credo e con un’invocazione alla Beata Vergine Maria"

È stato il parroco di Moscufo don Fulvio Di Fulvio a presiedere il rito solenne

La parrocchia degli Angeli custodi a Pescara

Nell’ambito dell’anno giubilare indetto dalla parrocchia pescarese degli Angeli Custodi, in occasione dei 50 anni dalla sua fondazione, ieri pomeriggio alle 17 è stato il parroco di Moscufo don Fulvio Di Fulvio ad aprire la porta santa, nell’ambito della Santa messa da lui presieduta e concelebrata con il parroco locale don Massimiliano De Luca, attraverso la quale sarà possibile lucrare l’indulgenza plenaria fino al 9 giugno 2019.

Card. Mauro Piacenza, penitenziere maggiore vaticano

È quanto previsto dal decreto emanato dalla Penitenzieria apostolica vaticana, a firma del penitenziere maggiore cardinale Mauro Piacenza: «La Penitenzieria apostolica – scrive il porporato – concede volentieri dai tesori celesti della Chiesa l’indulgenza plenaria alle consuete condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice) alla parrocchia e a tutti i fedeli realmente pentiti e sospinti dalla carità, che potranno applicarla anche alle anime del Purgatorio, a condizione che essi si rechino in pellegrinaggio e partecipino devotamente ai riti giubilari. O quantomeno, che si predispongano in preghiera per un congruo lasso di tempo, concludendo con la recita del Padre nostro, del Credo e con un’invocazione alla Beata Vergine Maria».

La porta santa poco prima dell’apertura

Un occhio di riguardo è stato rivolto agli anziani, ai malati e quanti saranno impossibilitati ad uscire di casa, che comunque vorranno lucrare dell’indulgenza plenaria: «Potranno ugualmente ottenerla – precisa il decreto della Penitenzieria apostolica -, proponendosi di non peccare più e adempiendo, non appena possibile, alle tre consuete condizioni, se si uniranno spiritualmente alle celebrazioni giubilari e offriranno le preghiere e le sofferenze della propria vita a Dio misericordioso».

Nel decreto, il cardinale Piacenza ha anche invitato i sacerdoti ad «accogliere le confessioni, ad offrirsi con animo disponibile e generoso alla celebrazione del sacramento della Riconciliazione», affinché l’accesso al perdono di Dio possa essere conseguito più facilmente grazie alle carità pastorale.

About Davide De Amicis (2774 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website

Rispondi