Ultime notizie

Progetto S.A.Mi.Na., nuovi strumenti contro la violenza sulle donne

Nasce a Pescara S.A.Mi.Na. – Strategie Antiviolenza per donne Migranti e Native, un progetto  della durata di 18 mesi che prevede un corso di formazione professionale per mediatrici d’accoglienza rivolto a 15 donne migranti.

Entra nel vivo, con il corso di formazione per mediatrici culturali, il progetto “S.A.Mi.Na. -Strategie Antiviolenza per donne Migranti e Native”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità, che vede come ente capofila il Centro Antiviolenza Ananke e la collaborazione del VIS Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, la Asl di Pescara e la Caritas diocesana Pescara-Penne; obiettivo principale è la formazione e l’istituzione di un’equipe specializzata sui temi della violenza con un approccio di genere.

A seguito del Corso di Formazione verrà istituito un elenco di mediatrici culturali e verrà creata una Banca Ore e Banca dei Saperi a disposizione del Comune di Pescara, del Centro Antiviolenza Ananke e della Caritas di Pescara. In tal modo, le stesse mediatrici potranno essere coinvolte e chiamate presso i diversi servizi, svolgere una funzione di raccordo, acquisire delle conoscenze sempre maggiori per la fruizione dei Servizi del territorio per le donne migranti ed essere adeguatamente ricompensate per un lavoro svolto quasi sempre a titolo gratuito. Alcune delle donne che avranno partecipato alla formazione, verranno inserite all’interno dell’equipe del Centro Antiviolenza Ananke che sarà dunque composta da operatrici sia italiane che provenienti da diversi Paesi, formate nel contrasto alla violenza di genere in ottica interculturale, e da avvocate esperte anche del diritto di famiglia dei Paesi d’origine delle donne migranti.

Tra gli altri obiettivi del progetto anche il potenziamento del centro antiviolenza al fine di aumentare la capacità di accoglienza delle donne migranti e l’istituzione di un tavolo di lavoro congiunto tra il centro antiviolenza e le reti territoriali, per promuovere la figura professionale della mediatrice culturale quale concreta prospettiva di autonomia personale e occupazionale nell’ottica dell’inclusione di culture differenti.

Dunque la Città di Pescara e tutta l’area metropolitana si dotano di un’importante risorsa e strumento in sostegno alla Rete Antiviolenza sul territorio, in grado di rafforzare ancor più qualitativamente e consapevolmente gli interventi in favore delle donne vittime di violenza, abusi, sfruttamento e tratta.

About Giannicola D'Angelo (39 Articles)
Laureato in Sociologia presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti, si occupa di comunicazione, studi sociali e Osservatorio povertà e risorse della diocesi Pescara-Penne.