Ultime notizie

Torna a Pescara il corso “Disabili: problema o risorsa nella comunità?”

"Se io sono di buon cuore, così come lo è la Chiesa - osserva Lucia Maiolino - è facile che io possa accogliere nelle parrocchia o nel mio gruppo parrocchiale un soggetto con disabilità o con disabilità cognitiva, ma poi c’è bisogno di includerlo tirando fuori le sue potenzialità e il buon cuore non ci spiega come fare"

Da venerdì 24 gennaio, all’Issr Toniolo di Pescara, partirà il secondo corso di formazione dell’Ufficio catechistico diocesano

Dopo il grande successo riscosso dalla prima edizione tornerà da domani, venerdì 24 gennaio, il corso di formazione intitolato “Le persone con disabilità: problema o risorsa nella comunità?”, organizzato dall’Ufficio catechistico dell’arcidiocesi di Pescara-Penne in collaborazione con il Centro volontari della sofferenza e l’Ufficio diocesano di Pastorale della salute.

La sede del corso sarà l’Istituto superiore di Scienze religiose Giuseppe Toniolo di Pescara e ogni appuntamento, rivolto a operatori di Pastorale della Salute, ministri straordinari dell’Eucarestia, catechisti, insegnanti di religione cattolica e di sostegno e agli educatori, avrà inizio alle 18.30 per concludersi alle 20.30.

Lucia Maiolino, responsabile settore disabilità Ufficio catechistico diocesano

Il tema affrontato nel primo incontro di domani sarà “Celebrare con la disabilità intellettiva” e verrà approfondito dal dottor Antonio Pastucci: «In questo secondo anno – illustra Lucia Maiolino, responsabile del settore disabili dell’Ufficio catechistico diocesano – ci sporcheremo di più le mani, conducendo degli incontri a carattere prettamente laboratoriale a seguito di un’introduzione alla tematica di volta in volta affrontata. Sarà un modo, già sperimentato nelle passate giornate catechistiche diocesane, per immedesimarsi nelle difficoltà e nei bisogni del disabile, così da poterlo includere nelle attività (come la celebrazione della messa o il catechismo) oltre che semolicemente accoglierlo, anche se si tratta di una disabilità cognitiva».

Perché tutti abbiamo delle potenzialità: «Quelle di queste persone – precisa la Maiolino – sono diverse dalle nostre, ma non è detto che non ci siano, e vanno fatte emergere. Infatti se un ragazzo ha una disabilità cognitiva, non è detto che con altri sistemi e tecniche non possa essere comunque coinvolto nel discorso».

La locandina del corso

Così, dunque, ogni partecipante potrà calarsi concretamente nei panni di una persona diversamente abile, comprenderne le esigenze e apprendere quali metodologie poter adottare per includerla nelle attività pastorali o scolastiche, superando il concetto basilare di accoglienza: «Un insegnante o un catechista – osserva la responsabile del Settore disabili dell’Ufficio catechistico diocesano – conosce la tecnica per insegnare, ma per accogliere ed integrare bisogna fare esperienza di un approccio con queste persone. È questa la cosa più difficile perché se io sono di buon cuore, così come lo è la Chiesa, è facile che io possa accogliere nelle parrocchia o nel mio gruppo parrocchiale un soggetto con disabilità o con disabilità cognitiva, ma poi c’è bisogno di includerlo tirando fuori le sue potenzialità e il buon cuore non ci spiega come fare».

A questo penserà il corso, il cui secondo appuntamento avrà luogo venerdì 21 febbraio approfondendo il tema “Bisogni educativi speciali: pensare in modo visivo”, con la dottoressa Fiorenza Pestelli. Terzo incontro, dal tema “Strategie di comunicazione alternativa”, venerdì 20 marzo con suor Veronica Donatello (responsabile del Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità). Giovedì 23 aprile sarà la volta del quarto incontro, dal tema “In…segnare la liturgia”, a cura della Pastorale sordi dell’arcidiocesi di Pescara-Penne. Infine, si chiuderà venerdì 15 maggio con l’incontro da tema “Identità sociale e disabilità”, condotto dalla dottoressa Chiara Maddalena. L’iscrizione è gratuita e sarà possibile inoltrarla scrivendo via e-mail o contattando telefonicamente (331 90 08 528) l’Ufficio catechistico diocesano.

About Davide De Amicis (3086 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website