Ultime notizie

Decreto legge Natale, Cei: “Nessun cambiamento per le celebrazioni”

"Nei giorni di zona rossa si consiglia ai fedeli – suggerisce Corrado - di avere con sé un modello di autodichiarazione per velocizzare le eventuali operazioni di controllo". Nei giorni di zona arancione, invece, sarà ancora più semplice recarsi in parrocchia, dato che i fedeli potranno raggiungere liberamente qualsiasi luogo sacro ubicato nel Comune di residenza, domicilio o abitazione

Lo ha precisato Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Cei

Nel contesto definito dal Decreto-legge del 18 dicembre «non ci sono cambiamenti circa la visita ai luoghi di culto e le celebrazioni. Entrambe sono sempre permesse, in condizioni di sicurezza e nella piena osservanza delle norme». Lo ha precisato il direttore dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale italiana (Cei), Vincenzo Corrado: «La Segreteria generale della Cei – precisa – ricorda quanto indicato dal Consiglio episcopale permanente nel comunicato finale della sessione straordinaria del 1° dicembre Sarà cura dei Vescovi suggerire ai parroci di ‘orientare’ i fedeli a una presenza ben distribuita, ricordando la ricchezza della liturgia per il Natale che offre diverse possibilità. Messa vespertina nella vigilia, nella notte, dell’aurora e del giorno. Per la Messa nella notte sarà necessario prevedere l’inizio e la durata della celebrazione in un orario compatibile con il cosiddetto ‘coprifuoco’, cioè entro le 22″».

Vincenzo Corrado, direttore Ufficio Comunicazioni sociali Cei

La Cei ha poi fornito ai fedeli dei consigli per vivere al meglio la liturgia nei giorni di zona rossa: «Si consiglia ai fedeli – suggerisce Corrado – di avere con sé un modello di autodichiarazione per velocizzare le eventuali operazioni di controllo», in quanto la circolare del Ministero dell’Interno del 7 novembre 2020 ha precisato che i luoghi di culto nei quali ci si potrà recare per una visita o per la partecipazione a una celebrazione “dovranno ragionevolmente essere individuati fra quelli più vicini”.

Nei giorni di zona arancione, invece, sarà ancora più semplice recarsi in parrocchia, dato che i fedeli potranno raggiungere liberamente qualsiasi luogo sacro ubicato nel Comune di residenza, domicilio o abitazione. Se quest’ultimo ha una popolazione non superiore a 5 mila abitanti, sarà possibile anche frequentare chiese collocate in altri Comuni purché non siano capoluoghi di provincia e distanti non oltre i 30 km: «I vescovi – conclude il direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali Cei – esortano, soprattutto in queste giornate, a non dimenticare e ad accompagnare tutte le persone, che comunicano le loro fatiche, le loro speranze, chiedendo preghiere e aiuti materiali e spirituali».

About Davide De Amicis (3516 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa metropolitana di Pescara-Penne. Recentemente ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website