Ultime notizie

Ogni giorno a male 50 milioni di alimenti

E’ questo, secondo Coldiretti, il danno più grave provocato dallo sciopero dei tir in Italia

Cinquanta milioni di euro, al giorno, in prodotti alimentari vanno in deperimento a causa dello sciopero dei tir. In particolare, parliamo di latte, fiori, frutta e verdura che quotidianamente lasciano aziende agricole stalle per raggiungere i mercati e le industrie di lavorazione arrivando, infine, sugli scaffali dei negozi e supermercati.

Frutta e verdura al supermercato

È questo l’allarme lanciato da Coldiretti dopo aver svolto un’analisi sulle conseguenze dello sciopero dei mezzi pesanti, che sta bloccando o rallentando la circolazione in Italia, dove l’86% delle merci viaggia su strada. Infatti, secondo l’associazione dei coltivatori diretti, ogni giorno si muovono a bordo di camion e tir circa 525mila tonnellate di prodotti agricoli e alimentari, dei quali poco meno del 10% sono deperibili: «I produttori agricoli – spiegano gli esperti di Coldiretti – sono costretti a smaltire a proprie spese il prodotto che marcisce o a svenderlo, mentre i consumatori sono costretti a fare i conti con gli scaffali vuoti e il rischio di effetti speculativi sui prezzi che cominciano a farsi sentire sugli ortaggi».

E il nostro Paese, oltre agli ingenti sprechi e all’economia, in tutto questo ha da perderci anche in credibilità, con la grande distribuzione europea pronta a sostituire i prodotti “Made in Italy” con quelli provenienti da Paesi come la Spagna, nel settore ortofrutticolo, o l’Olanda, per ciò che concerne il mercato dei fiori. Paesi, questi ultimi, direttamente concorrenti della produzione “Made in Italy”:«La situazione di difficoltà dell’economia è reale – concludono i vertici di Coldiretti – a partire dal caro gasolio che è costato solo alle aziende agricole 400 milioni in un anno, ma la crisi in queste condizioni rischia di aggravarsi e occorre far ripartire al più presto la circolazione».

About Davide De Amicis (2421 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista pubblicista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it, collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, e scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" nonché sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website