Ultime notizie

Ucraina: “Finanziare la pace con la cooperazione, non con le armi”

Già oggi, secondo le stime di Milex – Osservatorio sulle spese militari italiane per l’anno 2022, la spesa militare da parte del Ministero della Difesa sfiorerà i 26 miliardi di euro con una crescita di 1.352 milioni di euro +5,4% rispetto al 2021: «Questo dato – osserva Action Aid - è tanto più preoccupante se pensiamo che in confronto le risorse per “Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti”, da bilancio dello Stato per il 2021, arrivano appena a 3,2 miliardi di euro e che gli stanziamenti in aiuto pubblico allo sviluppo, nel 2020, hanno raggiunto il minimo storico di 3,67 miliardi di euro appena lo 0.22% del Reddito nazionale lordo

È l’appello rivolto al Governo e al Parlamento dal segretario generale di ActionAid Marco Da Ponte

ActionAid ha chiesto al governo italiano di «finanziare la pace con la cooperazione, l’accoglienza e l’inclusione sociale e non con le armi». Infatti ieri alla Camera dei deputati c’è stato infatti il voto finale del cosiddetto “Decreto Ucraina” (decreto-legge 25 febbraio 2022 n. 14), a cui manca il vaglio del Senato per diventare legge ordinaria.

Durante la discussione del decreto i deputati e le deputate hanno votato a larghissima maggioranza (391 voti favorevoli su 421 presenti, 19 voti contrari), un ordine del giorno che impegna il governo ad avviare l’incremento delle spese per la difesa verso il traguardo del 2% del Prodotto interno lordo attraverso “un sentiero di aumento stabile nel tempo, che garantisca al Paese una capacità di deterrenza e protezione”: «Davanti alla violenza generalizzata che attraversa in questo momento l’Ucraina – afferma ActionAid -, lo sforzo dell’Italia e della comunità internazionale dovrebbe concentrarsi sulla diplomazia attiva, con l’obiettivo di una tregua immediata in grado di fermare le stragi di civili in corso, piuttosto che alimentare una guerra strutturalmente asimmetrica che porterà inevitabilmente a un aumento esponenziale delle vittime».

La Camera dei deputati

Già oggi, secondo le stime di MilexOsservatorio sulle spese militari italiane per l’anno 2022, la spesa militare da parte del Ministero della Difesa sfiorerà i 26 miliardi di euro con una crescita di 1.352 milioni di euro +5,4% rispetto al 2021: «Questo dato – osserva Action Aid – è tanto più preoccupante se pensiamo che in confronto le risorse per “Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti”, da bilancio dello Stato per il 2021, arrivano appena a 3,2 miliardi di euro e che gli stanziamenti in aiuto pubblico allo sviluppo, nel 2020, hanno raggiunto il minimo storico di 3,67 miliardi di euro appena lo 0.22% del Reddito nazionale lordo».

Da qui l’appello del segretario generale di ActionAid Italia Marco De Ponte: «Solo rafforzando l’azione umanitaria e di cooperazione e il dialogo – sottolinea -, si possano gettare le basi per una pace duratura. Piuttosto che aumentare le spese in difesa, il nostro Paese deve investire in aiuto pubblico allo sviluppo a sostegno della propria azione diplomatica per la promozione della pace e dei diritti umani».

About Davide De Amicis (3868 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Dal 2010 è redattore del portale La Porzione.it e dal 2020 è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa di Pescara-Penne. Dal 2007 al 2020 ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website