Ultime notizie

Siccità: “Tragedia che rivela quello che non è stato fatto e dobbiamo fare”

"Dobbiamo invertire – conclude - quel meccanismo del consumismo che produce tanti disastri nell’ambiente. Dobbiamo capire la bellezza dell’impadronirci del noi stessi e del poco che possiamo avere e che è davvero di più dell’inganno del consumismo"

Lo ha affermato ieri il presidente della Cei Zuppi al primo Meeting dei Francescani

Il cardinale Matteo Maria Zuppi, presidente della Cei - Ph: Cristian Gennari/Siciliani

Ieri il cardinale Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, è intervenuto al forum “Conversione ecologica: transizione green, rigenerazione e cultura del creato” nel contesto del primo Meeting dei Francescani che si è tenuto a Favara (Agrigento): «La siccità che sta colpendo la nostra Nazione – afferma il porporato – è una tragedia che rivela quello che non è stato fatto e quello che dobbiamo fare. Non minimizziamo i tanti campanelli d’allarme ma facciamone tesoro».

Quindi il cardinale Zuppi, in merito, ha delineato il pensiero della Chiesa che ha definito chiarissimo: «Papa Francesco – ricorda – ci ha affidato una responsabilità straordinaria. Le parole della Chiesa non sono infatti rivolte agli addetti ai lavori e ai cristiani, sono, come l’enciclica ‘Laudato Si’’ dimostra, e come la ‘Fratelli tutti’ conferma, parole che ci uniscono tutti quanti e rappresentano un denominatore comune importantissimo di impegno con tutti. È evidente che non possiamo credere di affrontare questa sfida solo occupandoci del nostro piccolo, ma si chiede una grande alleanza. Sono ormai diversi anni che Papa Francesco ci ha affidato la ‘Laudato si’’, nella speranza di condizionare le scelte dei grandi, ma l’enciclica chiede a tutti di attuare delle scelte che siano attente, rispettose dell’ambiente e responsabili. L’enciclica ‘Fratelli tutti’ è invece la consapevolezza che siamo in un’unica stanza del Mondo, che siamo su un’unica barca e che dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri, e questo possiamo farlo solo capendo il legame che ci unisce. Siamo fratelli e se ci riconosciamo tali riconosciamo la necessità di difendere l’ambiente e avere attenzione a guardare al futuro».

Poi, in riferimento alle emergenze climatiche che stanno colpendo il nostro Paese, il presidente della Cei ha sottolineato che la siccità è una «tragedia che rivela quello che non è stato fatto e quello che dobbiamo fare. Come cittadini dobbiamo avere una grande attenzione a non perdere le opportunità. Le pandemie sono anche dei momenti di luce, di chiarezza – seppur terribili – dei problemi che non abbiamo affrontato e si presentano o che si palesano e chiedono soluzioni rispetto alle cose che bisogna cambiare. Non minimizziamo i tanti campanelli d’allarme, ma facciamone tesoro».

Infine, il cardinale Matteo Maria Zuppi, invitando ad avere «attenzione verso tutti coloro che sono vittime delle tante scelte che non vengono compiute e dell’ingiustizia dei pochi che controllano tanto e dei tanti che sono esclusi», ha espresso un ammonimento circa la necessità di «invertire – conclude – quel meccanismo del consumismo che produce tanti disastri nell’ambiente. Dobbiamo capire la bellezza dell’impadronirci del noi stessi e del poco che possiamo avere e che è davvero di più dell’inganno del consumismo».

About Davide De Amicis (3929 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Dal 2010 è redattore del portale La Porzione.it e dal 2020 è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa di Pescara-Penne. Dal 2007 al 2020 ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website