Ultime notizie

Covid-19, Fondazione Paolo VI: oggi la vaccinazione delle persone autistiche

"Questa iniziativa – spiega l’avvocato Peppino Polidori, presidente della Fondazione Paolo VI – vuole essere il nostro contributo fattivo ad una giornata importante, specie in questo momento delicato della pandemia che vede proprio nei vaccini una possibile via d’uscita"

L’inoculazione inizierà oggi, Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo

La preparazione di un vaccino - Ph: Cristian Gennari/Siciliani

Ricorre oggi, venerdì 2 aprile, la Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo, dichiarata dall’Onu nel 2007 per rendere informata e partecipe la popolazione in riferimento all’autismo e per sollecitare le istituzioni di ogni Paese a migliorare i servizi e l’assistenza a beneficio delle persone e delle famiglie interessate. Per l’occasione, la Fondazione Paolo VI, da sempre in prima linea in questo delicato settore, ha voluto celebrare la giornata con un gesto concreto e di grande importanza, visto il periodo che stiamo vivendo: la vaccinazione delle persone con autismo al di sopra dei 16 anni, in cura nella struttura.

L’avvocato Peppino Polidori, presidente della Fondazione Paolo VI

La somministrazione del vaccino avverrà nel suo centro di riabilitazione di via Pesaro a Pescara, a partire dalle ore 12: «Questa iniziativa – spiega l’avvocato Peppino Polidori, presidente della Fondazione Paolo VI – vuole essere il nostro contributo fattivo ad una giornata importante, specie in questo momento delicato della pandemia che vede proprio nei vaccini una possibile via d’uscita. Da sempre, la nostra famiglia accoglie e cura persone con questo grave disturbo, al punto da essere considerati un’eccellenza a livello nazionale. Siamo lieti, quindi, di poter dare a queste persone un segnale di speranza, ancora più significativo a due giorni dalla santa Pasqua. Ringrazio l’assessore regionale Nicoletta Verì, per la sensibilità dimostrata nei confronti della Fondazione anche in questa occasione». Per l’occasione sarà presente il direttore generale dell’azienda Usl di Pescara, Vincenzo Ciamponi.

Alessandra Portinari, presidente Angsa Abruzzo

E per la seconda volta, questa giornata cade in un periodo caratterizzato dall’emergenza sanitaria: «Il virus rappresenta un rischio non solo per chi è maggiormente esposto al contagio, ma soprattutto per quelle persone con disabilità, che necessitano di attenzioni specifiche e coordinate – sottolinea Alessandra Portinari, presidente di Angsa Abruzzo (Associazione nazionale genitori persone con autismo) -. In questa fase delicata che stiamo vivendo è ancora più necessario accendere i riflettori su questa Giornata, per ricordare l’importanza del sostegno e del supporto alle persone con autismo. Il Coronavirus non cancella purtroppo la silenziosa epidemia che le nostre famiglie continuano ad affrontare da sempre, e spesso in perfetta solitudine. Da 20 anni in Abruzzo e in Italia da 35 la nostra associazione è in prima linea per la difesa dei diritti delle persone autistiche e delle loro famiglie, in questo particolare periodo abbiamo chiesto alla Sanità regionale la massima cura durante la vaccinazione per le persone in questa condizione, in luoghi dedicati e con la presenza di un’equipe multidisciplinare, costituita da medici specialisti in neuropsichiatria e psicologi, esperti in tecniche comportamentali, capaci di assistere il paziente durante l’intero percorso di vaccinazione: dall’iniziale fase di adattamento ambientale, all’inoculazione del vaccino, fino all’osservazione post somministrazione. Ringraziamo l’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì per aver accolto la nostra richiesta».

L’intero percorso di vaccinazione sarà organizzato nei centri riabilitativi in stanze appositamente predisposte: «Per favorire – precisa la Portinari – una sensazione di rilassamento e adattamento ambientale. Dopo un primo momento di accoglienza, il paziente dovrà essere preparato dal personale sanitario alla procedura di inoculazione attraverso l’utilizzo di strumenti visivi sotto forma di task analysis, in cui saranno illustrate attraverso le immagini le singole fasi della procedura. Durante la fase di inoculazione del vaccino il paziente dovrà essere assistito dalla figura dello psicologo, che predisporrà dei distrattori (audio/video/bolle di sapone/plastilina) per abbassare il livello di ansia e favorire la collaborazione. Sarà inoltre previsto l’utilizzo di un rinforzo di natura sociale o materiale a seconda delle esigenze della persona».

About Davide De Amicis (3616 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere redattore del portale La Porzione.it è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa metropolitana di Pescara-Penne. Dal 2007 al 2020 ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website