Ultime notizie

Una messa per i 50 anni del Cammino neocatecumenale a Pescara

"Tante famiglie – raccontano i neocatecumenali – sono state ricostruite o rinsaldate, tanti giovani e adolescenti hanno trovato una concreta risposta al loro disagio, tanti anziani hanno vinto la solitudine. Molti membri del Cammino della nostra diocesi, grati per il bene ricevuto, si offrono come presbiteri, religiose e missionari laici. Vi sono anche intere famiglie disposte a trapiantarsi in terre lontane dove mancano segni visibili di fede cattolica"

La presiederà l’arcivescovo Valentinetti martedì 29 novembre, alle 19, al Pala Dean Martin di Montesilvano

Mons. Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne

Una santa messa per celebrare i 50 anni di presenza del Cammino neocatecumenale nell’Arcidiocesi di Pescara-Penne. La presiederà l’arcivescovo di Pescara-Penne monsignor Tommaso Valentinetti, martedì 29 novembre alle 19 presso il Pala Dean Martin di Montesilvano, concelebrando con 50 sacerdoti diocesani alla presenza delle 90 comunità neocatecumenali attualmente attive nel territorio diocesani.

Proprio nel novembre 1972, infatti, l’allora parroco di San Pietro apostolo in Loreto Aprutino don Camillo Smigliani invitò il catechista itinerante Eusebio Astiaso a tenere un primo ciclo di catechesi per giovani e adulti, al termine del quale nacque la prima comunità neocatecumenale in diocesi seguita, l’anno successivo, dalla comunità nata nella parrocchia di Sant’Antonio di Padova a Pescara su impulso dell’allora parroco Padre Bonaventura Febbo e della comunità dei Frati minori conventuali: «L’allora vescovo monsignor Antonio Iannucci – ricordano i neocatecumenali in una nota -, confermava questa nuova esperienza, benedicendo ed inviando personalmente l’equipe itinerante responsabile del Cammino per la diocesi, attualmente costituita dai coniugi Eusebio e Giulietta Astiaso, Don Osvaldo Giacomelli e Stefano Tumini. Oggi il Cammino neocatecumenale è presente in numerose parrocchie e l’attività di evangelizzazione ha prodotto frutti abbondanti, aiutando tante persone lontane dalla Chiesa ad incontrare l’amore di Dio e ravvivando la fede in tanti uomini e donne già inserite nella realtà ecclesiale».

I benefici di questa esperienza, a detta delle comunità neocatecumenali pescaresi, sono evidenti: «Tante famiglie – raccontano – sono state ricostruite o rinsaldate, tanti giovani e adolescenti hanno trovato una concreta risposta al loro disagio, tanti anziani hanno vinto la solitudine. Molti membri del Cammino della nostra diocesi, grati per il bene ricevuto, si offrono come presbiteri, religiose e missionari laici. Vi sono anche intere famiglie disposte a trapiantarsi in terre lontane dove mancano segni visibili di fede cattolica».

Nel mondo il Cammino neocatecumenale, uno dei frutti del Concilio Vaticano II, nasce nel 1964 grazie agli iniziatori Kiko Arguello e Carmen Hernandez, che – accogliendo il mandato ricevuto dalla Vergine Maria l’8 dicembre del 1959 – formano la prima comunità nelle baracche di Palomeras Altas in Madrid. Dopo aver fondato comunità nelle prime parrocchie in Spagna, nel 1968 gli iniziatori del Cammino iniziano questa esperienza conciliare in alcune parrocchie di Roma, incontrando il favore ed il sostegno dell’allora Papa San Paolo VI. In seguito Giovanni Paolo I, San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Papa Francesco hanno costantemente confermato ed incoraggiato la diffusione del Cammino in tutto il mondo.

About Davide De Amicis (4085 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Dal 2010 è redattore del portale La Porzione.it e dal 2020 è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa di Pescara-Penne. Dal 2007 al 2020 ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website