Ultime notizie

In corso oggi la 26ª Giornata nazionale della Colletta alimentare

Sarà possibile donare alimenti a lunga conservazione per i bisognosi in 390 supermercati d’Abruzzo e Molise

La Coletta alimentare in un supermercato

È in corso oggi la 26ª Giornata nazionale della Colletta alimentare, ideata e organizzata dal Banco alimentare in 11 mila supermercati italiani presidiati da oltre 140 mila volontari – riconoscibili dalla nuova pettorina arancione – pronti a raccogliere gli alimenti a lunga conservazione (verdura in scatola, tonno e carne in scatola, polpa o passata di pomodoro, olio, alimenti per l’infanzia come omogeneizzati o latte in polvere) acquistati e donati da tanti clienti solidali.

Antonio Dionisio, presidente del Banco alimentare dell’Abruzzo

D’altra parte, a livello nazionale, sono sempre di più i bisognosi che chiedono aiuto per fare la spesa, o per poter consumare un pasto, alle 7.600 organizzazioni caritative convenzionate con il Banco alimentare che quest’ultimo sostiene attraverso 21 organizzazioni territoriali come il Banco alimentare dell’Abruzzo e del Molise: «Chiediamo a tutti gli abruzzesi e molisani – esorta Antonio Dionisio, presidente del Banco alimentare dell’Abruzzo e del Molise – di rispondere a questo invito con la grande generosità e sensibilità che ci caratterizza, aiutando così 38.927 persone del nostro territorio in stato di bisogno, sostenute dalle 224 associazioni caritatevoli aiutate dal Banco Alimentare Abruzzo e MoliseVi aspettiamo negli oltre 390 supermercati, 337 dei quali in Abruzzo (clicca qui per trovare quello più vicino), dove sarete accolti da oltre 4 mila volontari. Non vediamo l’ora di avervi al nostro fianco!».

D’altra parte, dall’inizio dell’anno sono state 85 mila in più le richieste ricevute, a livello nazionale, che hanno fatto salire a 1.750.000 le persone aiutate: «Siamo preoccupati per la situazione che stiamo vedendo nel nostro Paese, con sempre più persone e famiglie che si trovano in povertà assoluta o che rischiano di scivolarci, nonostante abbiano un lavoro – afferma Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus –. È fondamentale quindi continuare a sensibilizzare tutti coloro che possono compiere un atto concreto di aiuto. La Colletta Alimentare è un gesto educativo semplice e di carità, che promuoviamo da oltre un quarto di secolo. Partecipare a questa iniziativa significa contrastare l’indifferenza e favorire la condivisione, facendo un gesto concreto a cui tutti siamo invitati. Il gesto di volontariato più partecipato In Italia e la prima esperienza solidale di questo tipo. Ci auguriamo dunque che anche quest’anno la solidarietà sia tanta».

La locandina della Giornata nazionale della Colletta alimentare 2022

Tra l’altro, in questo difficile momento economico e sociale, il Banco alimentare deve far fronte anche ad un aumento del 45% dei costi di gestione tra logistica, trasporti ed energia elettrica e ad un calo del 30% delle donazioni economiche da aziende e privati. Da qui un rafforzato appello alla solidarietà ai cittadini italiani, dopo i grandi risultati conseguiti lo scorso anno: «Nel 2021, grazie alla Colletta alimentare – ricorda il Banco -, sono state raccolte 7 mila tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti (1 pasto equivalente corrisponde a un mix di 500 gr di alimenti in base ai LARN, i Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana), per un controvalore economico di oltre 25 milioni di euro».

E da oggi la Colletta alimentare proseguirà anche online. Sarà infatti possibile continuare a donare alimenti su Amazon.it/bancoalimentare, Carrefour.it, Esselungaacasa.it e EasyCoop.com. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.colletta.bancoalimentare.it.

About Davide De Amicis (4085 Articles)
Nato a Pescara il 9 novembre 1985, laureato in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Dal 2010 è redattore del portale La Porzione.it e dal 2020 è direttore responsabile di Radio Speranza, la radio della Chiesa di Pescara-Penne. Dal 2007 al 2020 ha collaborato con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato è stato direttore responsabile della testata giornalistica online Jlive radio, ha collaborato con Radio Speranza, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo Oggi.
Contact: Website