Ultime notizie

Radio Speranza avvia le trasmissioni in digitale e diventa regionale

"È stata un’innovazione possibile – spiega Davide De Amicis, direttore di Radio Speranza -, grazie all’arcivescovo Valentinetti che ha creduto nel progetto, consentendo alla radio di entrare nel Consorzio AdriaDab Abruzzo il quale – unendo le principali emittenti radiofoniche della regione – ci ha permesso di ottenere una frequenza sperimentale dal Ministero delle imprese e del made in Italy, nonché di acquistare la tecnologia necessaria per trasmettere abbattendo i costi. Già con l’accensione del primo impianto sulla Maiella la copertura territoriale è aumentata, ma quando la rete dei trasmettitori Dab+ sarà completa, Radio Speranza diventerà una radio regionale"

Lo ha annunciato Davide De Amicis, direttore di Radio Speranza InBlu, a pochi giorni dal 45° anniversario di fondazione dell’emittente diocesana di Pescara-Penne

Il mixer audio nei nuovi studi di Radio Speranza

Con l’accensione del primo impianto sulla Maiella, da pochi giorni Radio Speranza InBlu – l’emittente radiofonica della Chiesa di Pescara-Penne – trasmette in digitale attraverso la piattaforma Dab+, essendo ricevibile su tutte le radio di nuova generazione (dall’1 giugno 2019 la radio Dab sono installate e funzionanti su tutte le nuove automobili acquistate). Un’innovazione, quest’ultima, che oltre alla maggiore qualità dell’audio trasmesso, consentirà di ampliare la copertura territoriale all’intero Abruzzo.

Un risultato importante per l’emittente radiofonica diocesana di Pescara-Penne che, lo scorso 15 febbraio, ha celebrato il suo 45° anniversario dalla fondazione voluta nel 1979 dall’allora vescovo di Pescara-Penne monsignor Antonio Iannucci, il quale affidò la direzione al sacerdote don Remo Chioditti che l’ha saldamente guidata per i successivi 40 anni: era la radio pionieristica e analogica dei nastri e delle bobine che, dopo i primi anni di attività, acquisì stabilmente l’attuale frequenza Fm 87.6 trasmettendo a Pescara e provincia.

Negli anni ’90 Radio Speranza continuò a crescere sotto l’episcopato dell’arcivescovo emerito monsignor Francesco Cuccarese, avviando collaborazioni dapprima con Radio Vaticana e poi con il circuito radiofonico della Cei InBlu, ma soprattutto dell’attuale arcivescovo di Pescara-Penne monsignor Tommaso Valentinetti. Nella seconda decade degli anni duemila, infatti, la radio ha fatto un primo salto di qualità avviando le trasmissioni in streaming web e riproponendo – tra le prime emittenti a farlo – le proprie trasmissioni in podcast. Infine, dal 2020, con il trasferimento dalla vecchia sede – presso il Centro Nazareth in piazza Garibaldi – ai nuovi studi ubicati al primo piano della Curia metropolitana di Pescara – in piazza Spirito Santo 5 – Radio Speranza ha fatto un ulteriore salto di qualità.

Davide De Amicis, direttore di Radio Speranza InBlu

Con il subentro del giornalista Davide De Amicis alla direzione, dal settembre 2020, il palinsesto ha subìto un rinnovamento nei contenuti, con nuove rubriche che per migliorare il racconto del territorio (ne sono un esempio il programma ambientale – sulla scorta dell’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco – “Il nostro ambiente” affidato al Wwf Abruzzo, ma anche quello sulla sostenibilità affidata al biologo Giovanni Damiani e poi lo spazio sulla salvaguardia paesaggistica condotto da Italia nostra fino alla rubrica sull’enogastronomia di qualità “#GiallomadeinItaly” curata da Coldiretti Abruzzo), ma anche il racconto della diocesi grazie a diverse rubriche affidate agli uffici di pastorale diocesani (la trasmissione sociale e di geopolitica “Binario 1” alla Caritas, la rubrica “RadioCAT” all’Ufficio catechistico e “L’alfabeto della famiglia” e “Le stagioni della famiglia” alla Pastorale familiare diocesana). Non manca anche l’approfondimento culturale, con l’importante rubrica “Libri e dintorni” a cura dello storico Licio Di Biase che presenta libri e scrittori: «Una svolta – spiega Davide De Amicis, direttore di Radio Speranza InBlu – che ha consentito una maggiore valorizzazione dello staff e dei tanti collaboratori di Radio Speranza. Questi ultimi, in particolare, rappresentano il cuore pulsante della radio realizzando circa 30 rubriche di approfondimento in forma del tutto volontaria».

Allo stesso tempo c’è stato un avanzamento tecnologico, che ha garantito il miglioramento della qualità della trasmissione, nonché l’adozione di un nuovo software per la gestione della regia. A ciò si aggiunge l’avvio delle trasmissioni in digitale con il Dab+: «È stata un’innovazione possibile – spiega Davide De Amicis, direttore di Radio Speranza -, grazie all’arcivescovo Valentinetti che ha creduto nel progetto, consentendo alla radio di entrare nel Consorzio AdriaDab Abruzzo il quale – unendo le principali emittenti radiofoniche della regione – ci ha permesso di ottenere una frequenza sperimentale dal Ministero delle imprese e del made in Italy, nonché di acquistare la tecnologia necessaria per trasmettere abbattendo i costi. Già con l’accensione del primo impianto sulla Maiella la copertura territoriale è aumentata, ma quando la rete dei trasmettitori Dab+ sarà completa, Radio Speranza diventerà una radio regionale. In questo modo vinceremo la sfida della “crossmedialità“, trasmettendo attraverso più piattaforme dalle onde Fm al web, passando per il digitale».  

About Redazione La Porzione (126 Articles)
Gli articoli scritti da voi e pubblicati dalla Redazione di laporzione.it
Contact: Website